A Celleno si mangia tutto a base di ciliegie: dall’antipasto al dolce

0

CELLENO – C’è solo un posto in Italia e probabilmente nel mondo, dove è possibile mangiare un intero menu dagli antipasti ai dessert, a base solo di ciliegie – il tipico frutto locale. Infatti, durante questo periodo, si celebra la tradizionale Festa delle ciliegie di Celleno.

Ogni anno, migliaia di persone raggiungono la piccola città di Celleno, a un’ora a nord di Roma, per assaggiare le ciliegie locali e ammirare il noto borgo abbandonato, noto anche come “il villaggio fantasma”, riconosciuto dal telegrafo tra i 25 borghi più belli d’Italia perduti nel tempo.

Nel paese di soli 1300 abitanti, quasi tutti i negozi di alimentari, ristoranti o bar vendono specialità a base di ciliegia. I giovani macellai, i fratelli Brachini, che vendono carne locale, offrono piatti di carne come brasati con ciliegie o altre gustose ricette da preparare con loro con ricette che si tramandano di generazione in generazione. Il giovane ristoratore Andrea Sterpino, con ristorante affacciato sul Castello di Celleno, offre carne di maiale tirata con salsa di ciliegie, o il noto cocktail di ciliegie, con una ricetta segreta o gelato, rigorosamente a base di ciliegie locali.
Presso il negozio di alimentari locale guidato da Rita Michetti, sulla piazza principale della parte news del paese-Celleno nuovo – è possibile acquistare ciliegie biologiche.

Le Roselline pizzeria e ristorante offre nel suo menù, oltre ai piatti della tradizione, risotto con ciliegie locali, o filetto di maiale in salsa di ciliegia.

Al Bar dello sport – nella pizzeria – fanno anche la pizza con le ciliegie.
Una delle specialità più richieste, dove ogni abitante di Celleno si sfida con il tipo più gustoso, sono le frittelle con le ciliegie. La vera esperta del luogo, che detiene la ricetta segreta delle migliori frittelle di ciliegie di Celleno è la signora Evelina, ultraottantenne, ristoratrice storica da molti anni in pensione, ma che cucina ancora i migliori piatti per il villaggio.

Ogni anno è stata creata la più lunga crostata di ciliegie, composta da molti pezzi, ciascuno realizzato da una famiglia nel villaggio. L’obiettivo ogni anno era quello di raggiungere il più lungo record di crostata di ciliegie.

Tra gli aspetti più interessanti dell’evento annuale c’è lo sputo del nocciolo della ciliegia. Ogni anno, nello spazio appropriato (uno sputodromo), c’è una vera competizione a chi sputa il nocciolo di ciliegia. È stato il signor Mauro Chiavarino nel 2018, che è riuscito a espellere il nocciolo della ciliegia fino a 22,80 metri. Mentre nel 2019 il Flavio Pizzo è riuscito a lanciare il Cherry stone fino a 16.40 metri. Nell’edizione 2020 di sabato 13 giugno un piccolo gruppo di persone tenterà di superar il record di sputo al nocciolo, alle 8:00 del mattino, nella nuova parte del paese.

Ciliegie e la loro festa è una tradizione di oltre 50 anni, che era stato perso nel tempo, e che è stato riavviato venti anni fa.

Quest’anno, a causa delle misure di sicurezza anti coronavirus, il festival si svolgerà in modo diverso: cercando di coinvolgere meno persone, evitando assembramenti, a differenza degli anni precedenti in cui migliaia provenivano da tutto il centro Italia e da tutta Italia.

Così il Celleno Marco Bianchi: “è molto importante per noi mantenere la tradizione culinaria legata alla nostra tipica ciliegia locale che ha radici antichissime, come il nostro borgo. È nostro dovere tramandare le ricette tipiche del luogo tra le generazioni, oltre a prepararle per i turisti che visitano il nostro borgo medievale in gran numero”.

Tra le altre attività interessanti c’è anche l’evento del Prof. Saverio Senni, professore di Scienze Agrarie Dell’Università della Tuscia, che racconterà la presenza e l’importanza della ciliegia nella storia umana e la presenza del frutto nella musica , nella letteratura e nell’arte. Il professore di solito dà lezioni online sedendosi sui rami di un albero di ciliegio.

I principali eventi della festa della ciliegia a Celleno si terranno sabato 13 e Domenica 14 giugno e anche il prossimo fine settimana.