Ad aprile maxi operazione di protezione civile

VITERBO – Il 23 e 24 aprile l’unità cinofila di soccorso, il gruppo comunale di protezione civile, in stretta collaborazione con l’associazione Prociv Viterbo, la Croce Rossa Italiana Comitato Provinciale di Viterbo e la Misericordia di Viterbo, eseguiranno un esercitazione congiunta denominata “Vetus Urbs”. I volontari simuleranno un evento sismico e per due giorni a Viterbo saranno allestiti campi di intervento, come il C.o.c. (Centro operativo comunale), il campo soccorritori, P.m.a. (Punto medico avanzato), S.e.p. (Sociali e psico-sociali). Nelle operazioni verranno coinvolte scuole, attività commerciali e istituzioni. Gli scenari prevederanno controlli e messa in sicurezza delle aree “lesionate”, ricerca dispersi, anche tramite l’ausilio di unità cinofile da ricerca in superficie e sotto le macerie, soccorso e recupero dei feriti, simulazioni di interventi di squadre antincendio all’uopo addestrate e simulazione di recupero in acqua sia tramite operatori che unità cinofile da salvataggio. I cittadini saranno spettatori e in alcuni casi parteciperanno alle operazioni che si svolgeranno in varie aree della città, vedendo da vicino i campi e le modalità di intervento della protezione civile.

L’esercitazione Vetus Urbs vede già confermata la partecipazione di numerose associazioni (anche da altre regioni), ed è in collaborazione e con il patrocinio dell’Università della Tuscia (che ha già dato piena disponibilità per la creazione di alcuni scenari presso l’Orto Botanico di Viterbo) e del gruppo cinofilo viterbese (delegazione E.n.c.i. Viterbo).

Il 23 e 24 aprile saranno due giornate dense di operazioni nell’ottica della cooperazione tra associazioni e della preparazione all’intervento, e saranno dedicate alla memoria di Giancarlo Latilla, un Volontario con la “V” maiuscola venuto a mancare nell’agosto 2014.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.