9.4 C
Lazio

Aggredisce carabinieri, due arresti

Un'auto dei carabinieriORTE – Avevano pensato di fare qualche soldo attraverso il collaudato sistema del “pacco napoletano”, ma sono stati arrestati e subito rimessi in libertà non avendo ravvisato il pubblico ministero esigenze cautelari. Sono due ventenni disoccupati, residenti nel ternano, che nel tardo pomeriggio di sabato si sono incontrati allo scalo ferroviario con due moldavi, altrettanto giovani e provenienti da Roma, ai quali avevano promesso di vendere quattro iPhone per soli 600 euro. Durante la consegna dello zaino, che avrebbe dovuto contenere i telefonini, i due italiani hanno anche regalato, forse per guadagnare un po’ di tempo, un grammo di eroina.
Lo scambio, però, non riesce in quanto gli acquirenti hanno verificato subito la merce accorgendosi che dentro lo zaino vi erano solamente alcuni pacchetti di pangrattato. Da qui è iniziato un acceso diverbio e un inseguimento che si è concluso all’interno di un grosso esercizio commerciale poco distante. Il parapiglia tra i quattro ha richiamato l’attenzione dei passanti e dei clienti del negozio che hanno allertato i carabinieri. Giunti sul posto, i militari sono stati aggrediti con calci e pugni da uno dei quattro che non voleva farsi identificare, fortunatamente senza riportare lesioni.

LEGGI ANCHE  Centro antiviolenza, sottoscritto accordo tra comune e soggetto partner
- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altre notizie

LEGGI ANCHE  Centro antiviolenza, sottoscritto accordo tra comune e soggetto partner