Alla 100 km del Passatore ci sono anche i podisti montaltesi

Oggi attesa per l’ultramaratona considerata la più bella del mondo

MONTALTO DI CASTRO – Si corre oggi, tra Firenze e Faenza, l’edizione numero quarantasei della 100 km del Passatore, l’ultramaratona considerata la più bella del mondo, sicuro la più attesa dai podisti italiani.

E nutrita, anche quest’anno, sarà la pattuglia montaltese al via, con la Polisportiva che sta svezzando un numero sempre crescente di “passatori”. Guidati, quest’anno, non già dal consueto leader Massimo Maietto – che l’ha corsa nei due anni precedenti, con un persona di 12 ore e 50, ma che in recupero da un intervento all’anca sarà sul percorso a supportare i compagni – ma da Gianni Niccoli, anche lui alla terza esperienza, che dopo mesi di allenamenti da solo in Abruzzo, dove lavora, chiuderà il trittico di Romagna, dopo aver corso la Maratona di Russi e la 50 km di Romagna.

“Al terzo anno il percorso non è più una sorpresa, – racconta Gianni, la testa già a domani – quello che ti aspetta lo sai. Ma le emozioni, la paura di non riuscire a dosare bene le forze, la speranza di arrivare in fondo, sono sempre le stesse. Sai che il Passatore non è poi così Cortese e non ti regala niente!”.

“Sicuramente non c è più l’incognita di correre la notte tutte quelle ore e tutte le altre cose, – continua Gianni – però l’emozione pregara e sicuramente del giorno stesso è tanta: il mio obiettivo sarà sempre lo stesso quello di terminarlo senza dar troppo peso al tempo (ha un personale di 11 ore e 40, ndr), importante come sempre sarà gestire, nelle prime ore calde di gara, l’alimentazione e l’idratazione e tutte le cose di prima necessità”.

Al via, al suo fianco, Tommaso Delle Cese, alla seconda sfida al Passatore dopo il debutto dello scorso anno sotto l’attenta guida del presidente Maietto. Chi, invece, vivrà le emozioni della prima volta è una coppia, quella formata da Giuseppe Germani e Giovanna Governatori: lei ha ricevuto l’iscrizione al Passatore come regalo di compleanno dalla Polisportiva, lui si è catapultato nell’avventura per amore di lei, e a furia di accompagnarla negli allenamenti ha accumulato kilometri e vuole tentare.

“L’impressione e la speranza è che sia un viaggio lunghissimo! – spiega Giuseppe – Intanto mi godo l’attesa, quella magica, quella della Prima volta”.
“Andrà bene, sarò felice, qualsiasi sia il numero dei kilometri che riuscirò a fare – confida Giovanna, armata di tanta buona volontà ma alle prese con qualche problema fisico, che ha rallentato i suoi allenamenti nell’ultimo mese e mette in serio dubbio la riuscita dell’impresa. Ma lei, figlia di centisti, non si arrende. “Via il lupo, viva noi e grazie a chi ci accompagna”.

A partire da Stefania Giannetti, anima immancabile e preziosa della Polisportiva, che di nuovo vivrà sul percorso l’emozione dei “suoi” atleti, raccontando anche sui social passo per passo la corsa verso Faenza. Con lei, come detto, il presidente che, confessa: “Sono felice di essere presente insieme ai nostri atleti, non potrò essere parte attiva ma li sosterrò il più possibile durante la gara. In bocca al lupo”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.