All’Università Agraria di Tarquinia il corso Blsd dell’Airsac

Il Consigliere delegato Sacripanti: "Un tema importante per la sensibilizzazione della comunità al soccorso e al corretto utilizzo del defibrillatore"

TARQUINIA – Si è svolto sabato mattina presso la sala conferenze dell’Università Agraria di Tarquinia il corso Blsd sulle pratiche all’utilizzo del defibrillatore, organizzato dall’Airsac American Heart Association, per alcuni cittadini che hanno aderito all’evento.

Parole di soddisfazione da parte del consigliere delegato alle tematiche della sicurezza dell’ente di Via Garibaldi: “Queste iniziative – ha detto – sono molto importanti soprattutto per fare divulgazione e sensibilizzazione al tema cardioprotezione sul territorio per la diffusione e il corretto utilizzo dei defibrillatori. Come Università Agraria – continua Sacripanti – anche grazie alla particolare attenzione del presidente Sergio Borzacchi, abbiamo subito dato disponibilità e ringraziato gli istruttori sanitari Giovanni Barile, Renata Piccioni, Claudio Riccardi e Marco Mazzacane per aver organizzato con l’Airsac il corso al fine di diffondere la conoscenza delle manovre salvavita al maggior numero possibile di persone”.

Secondo i dati ufficiali a livello internazionale la catena della sopravvivenza dell’Aha descrive le azioni fondamentali necessarie per il trattamento di emergenza in caso di pericolo di vita, compreso l’attacco cardiaco e l’arresto cardiaco. “Oggi queste apparecchiature sanitarie sono presenti ed obbligatorie in molti ambienti a vasta diffusione – conclude il consigliere dell’Università Agraria Alessandro Sacripanti – essere pronti e conoscere le principali nozioni sul corretto utilizzo del defibrillatore può essere determinante per salvare la vita di una persona, ricordando a tutti che in questi casi va sempre chiamato il 118 per consultazione e supporto”.