Ana Vitelaru testimonial di Superabile

Alfredo Boldorini: “Siamo emozionati ed onorati ad avere nella nostra squadra una campionessa di livello mondiale il cui messaggio eleverà di molto la qualità del nostro progetto"

BASSANO ROMANO – Ana Vitelaru testimonial di SuperAbile. La 36enne campionessa di Reggio Emilia e Nazionale Italiana, entra a far parte del progetto ideato e fondato da Alfredo Boldorini – consigliere comunale di Bassano Romano -, con il supporto di Alessandra Mosci e Fortunata Scarponi.

Classe 1983, nata in Romania, cittadina italiana Ana Vitelaru, nel settembre 2000, poco prima di trasferirsi in Italia, ebbe un incidente ferroviario che le causò, appena 17enne,  l’amputazione bilaterale trasfemorale.

Ma il tragico evento, invece che fermarne, in qualche modo, le sue aspettative di vita, ne forgiò ancora di più il suo carattere tanto che non solo riuscì, comunque, a coltivare la sua passione – e professione – come sarta in una nota e prestigiosa azienda di Reggio Emilia – città dove risiede dal 2000 –, ma ne delineò i tratti di un’autentica fuoriclasse destinata ad essere conosciuta e apprezzata nel mondo.

“L’impossibile non esiste – dice con una punta di orgoglio la granitica Ana, lei che è abituata a sfidare se stessa tutti i giorni, da ormai 19anni -. Ciò che voglio trasmettere – aggiunge – è un messaggio di forza, di rinascita, di riscatto a coloro che per qualsiasi ragione sono stati messi alla prova dalla vita. Bisogna lottare sempre con tenacia e determinazione sulle avversità che la vita ci pone davanti. Ringrazio dell’invito rivoltomi da Alfredo Boldorini: con molto piacere sosterrò con ogni forma il progetto SuperAbile Viterbo. Ed anzi gli ho proposto di fare qualcosa insieme ad ottobre, qui da me, a Reggio Emilia”.

Dopo 14 anni dal giorno dell’incidente è tornata a fare trekking di montagna camminando sulle protesi. Per 10 anni ha avuto “la gioia e l’onore di vestire la maglia azzurra della nazionale di basket in carrozzina”.

Da sempre attratta dal ciclismo, nel novembre 2017 approda sulla sua tanto desiderata HandBike, grazie ad Obiettivo 3 – progetto di Alex Zanardi – che da la possibilità a persone disabili di provare a rimettersi in gioco con all’orizzonte le paralimpiadi di Tokio 2020.

Nel 2018 entra nella società Anmil Sport Italia, tesserata Fci, con la prima gara da incorniciare. Aprile 2018, Coppa Europa, Marina di Massa, Ana Vitelaru conquista subito due medaglie d’oro e viene convocata in Nazionale.

A seguire, nella Coppa del Mondo in Belgio, conquista due medaglie di bronzo sia nella gara su strada che in quella a cronometro.

L’Italia, dopo molto tempo, ritorna sul podio.

Nella Coppa del Mondo in Olanda la 36enne di Reggio Emilia conquista un argento ed un bronzo mentre per i Mondiali di Maniago arrivano altre due medaglie di bronzo.

Il 2019 si apre con il botto per Ana: nella Coppa Europa a Marina di Massa e Verolanuova si aggiudica addirittura 4 medaglie d’oro e nella Coppa del Mondo andata in scena a Corridonia diventa leader con altre 2 medaglie d’oro.

Prossimi impegni internazionali in agenda per lei Canada e Olanda.

“Ora – conclude Ana Vitelaru – non mi rimane che continuare ad allenarmi duramente, quotidianamente, con sacrificio passione e tenacia affinché io possa continuare a dare prestigio alla Nazionale Italiana in tutto il mondo, percorrendo l’arduo percorso che mi condurrà a Tokio 2020”.

“Siamo sinceramente emozionati ed onorati – afferma Alfredo Boldorini – ad avere nella nostra squadra Ana Vitelaru, una campionessa di livello mondiale, il cui messaggio eleverà di molto la qualità del nostro progetto. Le sue gesta quotidiane non hanno bisogno di commento: rappresenta un vero e proprio fuoriclasse sia in pista che nella vita di tutti i giorni. Ringrazio Ana per il bel regalo che ci ha fatto e le formulo un grosso in bocca al lupo per i prossimi impegni a cominciare proprio dalla gara di Bassano del Grappa in programma questo week end”.

(Progetto SuperAbile)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.