19.7 C
Lazio

In fiamme un appartamento, muore 28enne

VEJANO - Tragedia questa mattina nella cittadina della Tuscia. Un incendio è divampato in un appartamento al terzo piano di Via Umberto...

Reti fantasma: “C’è bisogno di un cambiamento culturale”

Le reti fantasma rappresentano una vera e propria emergenza ambientale, non solo perché disperdono nell’habitat marino le...

Covid: nel Lazio coprifuoco da venerdì l’ordinanza della Regione

ROMA - Il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e il ministro alla Salute Roberto Speranza hanno firmato l’ordinanza con la quale...

«Oltre le attese i bandi pubblici per l’assegnazione dei lotti»

Il vice presidente dell'Università Agraria, Maurizio Leoncelli
Il vice presidente dell’Università Agraria, Maurizio Leoncelli

TARQUINIA – «Ben oltre le aspettative. I bandi pubblici per l’aggiudicazione dei lotti di terreno a uso agricolo si dimostrano strumento utile al mondo dell’agricoltura». Esprime soddisfazione il vice presidente dell’Università Agraria Maurizio Leoncelli, in merito all’ampia partecipazione riscontrata e agli importanti i rialzi d’asta ottenuti, pari al 47%, della base individuata, grazie all’avvenuta esenzione IMU dei terreni di demanio collettivo.

«Risposte concrete – prosegue – anche per i lotti riservati ai giovani imprenditori agricoli. Pure qui grande partecipazione e soprattutto investimenti concreti. PAC, PSR e le innovazioni a essi correlati, unitamente alla durata settennale dei contratti, impongono oggi strategie di lungo periodo.

A questo l’Università Agraria presta attenzione, nell’interesse del mondo agricolo, anche per merito del supporto della Confagricoltura. La forma contratto si è rivelata utile a ridurre i contenziosi. In passato si parlava di riforma, oggi i numeri ci dicono che questa è avvenuta, in maniera graduale e progressiva.

Gli ettari assegnati mediante suddivisioni in 80 lotti sono circa 2000 mentre sono poco più di mille quelli ripartiti in quote in numero di 450. Un lavoro costante che ci ha permesso di rendere utile la proprietà collettiva in primis al mondo degli agricoltori, superando un modello, quello delle quote da 2,7 ettari, oramai antieconomico. Davanti a una Regione Lazio soddisfatta per pochi ettari dati ai giovani, facciamo notare come l’Università Agraria ne ha assegnati un centinaio solo con questo bando. È evidente che a Roma farebbero bene a comprendere l’enorme potenziale che le proprietà collettive rappresentano da sempre e a non immaginarle come un problema».

- Advertisement -

Altre notizie

In macchina con un piede di porco, denunciato

SCANSANO - I carabinieri della stazione di Scansano nei giorni scorsi hanno denunciato in stato di libertà un 29enne originario del Marocco,...

Mercatino dell’antico, domenica in Piazza dei Caduti e in via Ascenzi

VITERBO - Domenica 18 ottobre, terza domenica del mese, torna l’appuntamento in centro con il Mercatino dell’antico. A ricordarlo è l’assessore allo...

Tromba d’aria sul litorale

Il maltempo flagella il litorale laziale. Questa notte i Vigili del fuoco della caserma Bonifazi sono stati impegnati, a causa delle forti...

Fugge dopo un sinistro, rintracciata e denunciata dai carabinieri

CASTEL DEL PIANO - I carabinieri di Castel del Piano hanno denunciato alla Procura di Grosseto una donna originaria degli Stati Uniti...

I Templari Castell’Araldo e il fiume Marta, il 16 ottobre un convegno a tema

MARTA - Nella sala consigliare del Comune di Marta, generosamente offerta dall’amministrazione comunale, venerdì 16 ottobre dalle ore 15.30 si terrà il...

Screening all’istituto Alberghiero di Viterbo

VITERBO - È iniziato ieri mattina lo screening, promosso da Regione Lazio e gestito dall'equipe medica della ASL di Viterbo, presso il...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.