Bambini maltrattati, sospesa maestra della scuola materna

NEPI – Durissimi rimproveri, minacce e tirate di orecchie. E’ un quadro desolante quello che emerge nell’inchiesta su ciò che sarebbe avvenuto all’interno di una scuola materna di Nepi. Una maestra è stata colpita da una misura cautelare interdittiva “della sospensione dall’esercizio di un pubblico ufficio di insegnante”.

I carabinieri del nucleo operativo della Compagnia di Civita Castellana le hanno notificato questa mattina il provvedimento emesso dal gip del tribunale di Viterbo, su richiesta del pm Paola Conti, a seguito dell’indagine partita nel mese di dicembre scorso in merito a presunti maltrattamenti nei confronti degli alunni della scuola dell’infanzia. Dall’attività investigativa – spiegano in una nota i carabinieri – è emerso che la maestra aveva l’abitudine di rimproverare i bambini (di età inferiore ai sei anni) che avevano comportamenti capricciosi, tirando loro le orecchie, mettendoli in castigo con la faccia contro il muro o minacciando di picchiarli se non si fossero comportati correttamente.

Le immagini delle intercettazioni video-ambientali hanno permesso di appurare chiaramente come l’insegnante, per ottenere l’ubbidienza dei bambini, li intimoriva, promettendo di legarli alla sedia, alzava la mano minacciando di prenderli a schiaffi e negava loro di andare in bagno. Comportamenti offensivi e continui maltrattamenti, sia psicologici che fisici, nei confronti di minori.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.