A Bernard Thévenet la targa Athena Parthenos 2014

La consegna della targa a Bernard Thévenet, commissario del Tour de FranceTARQUINIA – La mostra “Paris en vélo – Parigi in bicicletta”, un omaggio al Tour de France e ai suoi 111 anni, approdata in anteprima nazionale grazie al Museo Parigino di Roma e all’infaticabile e creativo direttore Cesare Nissirio, ha riservato una sorpresa per tutti gli appassionati di ciclismo. Bernard Thévenet, commissario tecnico del Tour de France, è giunto appositamente a Tarquinia per visitare l’esposizione e per ritirare la targa d’argento Athena Parthenos 2014, riconoscimento che ogni anno il Museo Parigino a Roma consegna a personalità del mondo dello sport e della cultura. A

All’appuntamento con uno dei miti del ciclismo mondiale passato alla leggenda per essere stato “le tombeur du cannibale Eddy Merckx” infliggendo la prima sconfitta dopo anni d’invincibilità al campione fiammingo e riportando la maglia gialla a Parigi per la gioia dei francesi, hanno partecipato numerosi sportivi e il prestigioso riconoscimento è stato consegnato a Thévenet dal direttore del Museo Parigino a Roma e per il Comune di Tarquinia dal presidente della commissione cultura Angelo Centini. Si è chiusa così, con la presenza di un altro ospite internazionale la XIX edizione di “Tarquinia a Porte Aperte – Un Museo nella città” che per più di due mesi ha galvanizzato la città tirrenica con oltre trenta appuntamenti a carattere culturale.

Thévenet, che ha approfittato dell’occasione per visitare l’Italia e in particolare Roma e Tarquinia, come si ricorderà, è stato il vincitore di due edizioni del Tour de France, nel 1975 e nel 1977, ed è iscritto fra le glorie del ciclismo d’oltralpe. In passato la prestigiosa Targa d’Argento Athena Parthenos è stata assegnata a Federico Fellini e Giulietta Masina, Monica Vitti, Lina Werthmüller, Piero Angela, Corrado Augias, Antonio Debenedetti, Philppe Leroy, Jacqueline Risset e Alberto Testa. Per lo sport, invece, a Renato Di Rocco, Davide Cassani, Vito Di Tano, Paolo Bettini, Francesco Moser e a Maurizio Fondriest.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.