19.7 C
Lazio

Covid: altra ondata di contagi nella Tuscia

Gli ultimi referti di positività sono collegati a tamponi eseguiti su cittadini residenti o domiciliati nei seguenti comuni: 40 a Viterbo, 5 a Capodimonte, 5 a Tuscania, 5 a Montefiascone, 4 a Castel Sant’Elia, 3 a Civita Castellana, 3 a Vetralla, 3 a Vejano, 2 a Vitorchiano, 2 a Valentano, 2 a Soriano nel Cimino, 2 a Canepina, 2 a Vasanello, 2 a Corchiano, 2 a Marta, 2 a Bassano Romano, 1 a Oriolo Romano, 1 a Caprarola, 1 a Capranica, 1 ad Arlena di Castro, 1 a Tarquinia, 1 a Blera, 1 a Bolsena, 1 a Carbognano, 1 a Fabrica di Roma, 1 a Grotte di Castro, 1 a Montalto di Castro, 1 a Nepi, 1 a Piansano, 1 a Ronciglione, 1 a San Lorenzo Nuovo

Scoperta un’intera filiera del falso, cento acquirenti denunciati

VITERBO - I finanzieri del Comando provinciale di Viterbo, nell’ambito dei servizi di contrasto al fenomeno della vendita di prodotti con marchio...

Addetta alle pulizie ruba Gratta e Vinci, arrestata dai carabinieri

CAPALBIO - I carabinieri di Capalbio sabato sera hanno arrestato una donna di nazionalità romena, residente nel comune, colta in flagranza di...

Coldiretti: concluso il ciclo degli incontri nella Tuscia

coldiretti incontro Civita CastellanaVITERBO – Si è chiuso con successo il ciclo degli incontri che Coldiretti Viterbo ha tenuto su tutto il territorio della Tuscia, tra Acquapendente, Fabrica di Roma e Marta. Consistente il gruppo riunito presso la sede del consorzio di bonifica Val di Paglia ad Acquapendente, importante centro agricolo dell’ alto Lazio ai confini con la Toscana. Obiettivo dell’incontro del 16 dicembre, che ha preceduto i proficui appuntamenti di Fabrica di Roma (il 17) e Marta (il 19), è stato quello di illustrare le nuove tipologie della nuova Pac 2015-2020 e soffermarsi in maniera esauriente sui concetti di sicurezza in agricoltura e su come un’azienda agricola oggi deve porsi sul mercato locale, regionale e nazionale.

Ha aperto i lavori il responsabile di comprensorio Alta Tuscia Andrea  Pedica, illustrando un documento essenziale redatto dalla Coldiretti nazionale su quanto negli ultimi dieci anni Coldiretti ha realizzato, portando avanti tutte le problematiche che giornalmente si presentano nel comparto ma non dimenticando anche i risultati, soprattutto quelli notevoli raggiunti da “Campagna Amica”. Il direttore di Coldiretti Viterbo Ermanno Mazzetti, nel suo intervento ha evidenziato, partendo dall’importante succitato documento che riepiloga i successi de gli ultimi anni di Coldiretti, quanto la stessa, anche con il suo progetto di Campagna Amica, sia riuscita a valorizzare le produzioni delle aziende a km zero, rivalutando anche la qualità e il reddito delle aziende stesse con i numerosi mercati, presenti sia nella capitale sia nel viterbese.

A Viterbo, infatti, i mercati di Campagna Amica si tengono tutti i mercoledì mattina nel centro della città, al Sacrario, mentre il sabato mattina c’è ormai il tradizione appuntamento con il mercato presso la sede provinciale di Coldiretti, in viale Francesco Baracca. Il direttore Mazzetti ha ricordato inoltre come la multifunzionalità aziendale abbia permesso a diverse aziende, come ad esempio quella di Capati di Civita Castellana – specializzata in produzione di patate, farina, pane, nocciole – di diversificarsi e migliorare sensibilmente la propria redditività.

Il responsabile del CAA provinciale Gianfranco Olivieri nel suo intervenuto ha illustrato le novità della nuova Pac, costruita più per una agricoltura dei paesi del  Nord Europa che per la nostra penisola, comportando sia a livello tecnico che remunerativo dei cambiamenti sostanziali come l’ introduzione del grenning  e il riequilibrio del tempo del valore unitario della singola quota, come un maggior valore aggiunto per il settore dei cereali per chi semina grano duro e per il comparto ovino-caprino e quello bovino da carne con finanziamenti mirati a capo allevato. È intervenuto anche il direttore del Patronato Epaca Viterbo, Nicola Chiumento, con cenni e suggerimenti per tutti coloro che non hanno una posizione previdenziale Inps e lavorano nel comparto, con novità sul settore pensionistico che entreranno in vigore dal prossimo 1° gennaio 2015. Conclude il Presidente generale di Coldiretti Viterbo Mauro Pacifici: «Ad Acquapendente si sono chiusi questi proficui incontri sul territorio che hanno coinvolto un pubblico attento anche a Fabrica di Roma e Marta. Siamo sicuri che sono state riunioni di buon auspicio per chiudere questo intenso anno con collaborazione, chiarezza e impegno in agricoltura per continuare anche nel 2015».

Coldiretti incontro Frabrica di Roma

- Advertisement -

Altre notizie

In macchina con un piede di porco, denunciato

SCANSANO - I carabinieri della stazione di Scansano nei giorni scorsi hanno denunciato in stato di libertà un 29enne originario del Marocco,...

Mercatino dell’antico, domenica in Piazza dei Caduti e in via Ascenzi

VITERBO - Domenica 18 ottobre, terza domenica del mese, torna l’appuntamento in centro con il Mercatino dell’antico. A ricordarlo è l’assessore allo...

Tromba d’aria sul litorale

Il maltempo flagella il litorale laziale. Questa notte i Vigili del fuoco della caserma Bonifazi sono stati impegnati, a causa delle forti...

Fugge dopo un sinistro, rintracciata e denunciata dai carabinieri

CASTEL DEL PIANO - I carabinieri di Castel del Piano hanno denunciato alla Procura di Grosseto una donna originaria degli Stati Uniti...

I Templari Castell’Araldo e il fiume Marta, il 16 ottobre un convegno a tema

MARTA - Nella sala consigliare del Comune di Marta, generosamente offerta dall’amministrazione comunale, venerdì 16 ottobre dalle ore 15.30 si terrà il...

Screening all’istituto Alberghiero di Viterbo

VITERBO - È iniziato ieri mattina lo screening, promosso da Regione Lazio e gestito dall'equipe medica della ASL di Viterbo, presso il...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.