10.5 C
Lazio

Coldiretti: «Spesa a tavola sale a 2,35 miliardi»

natale_tavolaVITERBO – Si inverte  la tendenza al ribasso e sale la spesa a tavola degli italiani ad un importo di 2,35 miliardi di euro (+2 per cento) per i cibi e le bevande consumati tra il cenone della vigilia e il pranzo di Natale che nove italiani su dieci (87 per cento) hanno trascorso a casa con parenti o amici. E’ questo il bilancio stimato dalla Coldiretti, che conferma come gli italiani non rinunciano all’appuntamento più tradizionale dell’anno per il quale si è speso leggermente di più, in linea con le previsioni di ripresa nei consumi alimentari nel 2015. «A prevalere è stato il Made in Italy – sottolinea la Coldiretti – con i cibi esotici e fuori stagione praticamente scomparsi dalle tavole, dove, invece, si sono affermati  il bollito, i polli arrosto, i cappelletti in brodo, le pizze rustiche e i dolci fatti in casa, con il record di una media di 3,5 ore trascorse in cucina per la preparazione dei piatti, secondo l’indagine Coldiretti/Ixe’. Appena l’ 8 per cento degli italiani si è recato al ristorante, mentre il 3 per cento ha preferito gli agriturismi, in crescita rispetto allo scorso anno.

«La maggioranza delle tavole sono state imbandite con menù a base di prodotti o ingredienti nazionali – aggiunge la Coldiretti – con una spesa stimata  in 900 milioni di euro per pesce e le carni compresi i salumi, 400 milioni di euro per spumante, vino ed altre bevande, 400 milioni di euro per dolci con gli immancabili panettone, pandoro e panetteria, 350 milioni di euro per ortaggi, conserve, frutta fresca e secca, 200 per pasta e pane e 100 milioni di euro per formaggi e uova». «I dati di quest’anno sono un successo per noi – ha dichiarato il direttore di Coldiretti Viterbo Ermanno Mazzetti – che da sempre ci battiamo per valorizzare i prodotti delle nostre terre affidandoci ai coltivatori diretti per poter avere garanzie di sicurezza e freschezza per tutti gli alimenti scelti».

LEGGI ANCHE  Rifiuti radioattivi, Blasi (M5S): "Scelta non prescinda dalla volontà delle comunità locali"

«La preferenza mostrata dagli italiani nei confronti di agriturismi e prodotti Made in Italy è una vittoria per Coldiretti – conclude il Presidente di Viterbo Mauro Pacifici – sempre in prima linea per offrire a consumatori e cittadini vasta scelta di prodotti controllati in tutta la filiera, dalla terra alla vendita diretta anche grazie ai mercati di Campagna Amica».

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altre notizie

LEGGI ANCHE  Finanziato il rifacimento del marciapiede di via Cavour