28 C
Viterbo
martedì 28 Settembre 2021

Comune e BCC per lo sviluppo del settore agricolo

MONTALTO DI CASTRO – Grande partecipazione all’assemblea sulla PAC che si è svolta al complesso monumentale San Sisto lo scorso 3 novembre. L’incontro, promosso dal Comune di Montalto in collaborazione con la Banca della Tuscia e la BCC Roma, ha permesso a tutti gli agricoltori e gli imprenditori agricoli di poter conoscere le normative e le procedure della riforma della politica agricola. All’evento erano presenti, oltre al sindaco Sergio Caci, il vicesindaco Luca Benni, l’assessore provinciale all’agricoltura Franco Vita, il direttore generale della BCC della Tuscia, Maurizio Rossi e il responsabile servizio sviluppo aziende della BCC di Roma, Gennaro Romano che hanno confermato il sostegno delle loro banche nell’affiancare gli agricoltori con risposte alle loro esigenze finanziarie, anche rispetto ai parametri previsti dalla nuova PAC. Una riunione di aggiornamento, quella avvenuta lunedì scorso, per illustrare la normativa e le procedure della riforma della politica agricola comune che dispone per l’Italia un importo annuo di oltre 3,8 miliardi di euro per i pagamenti diretti, e di oltre 3 miliardi annui per lo sviluppo rurale.

Nel corso dell’incontro è stato sottolineato come, a partire dal mese di gennaio 2015, le imprese e le famiglie sul territorio potranno beneficiare delle sinergie del progetto di fusione per incorporazione della BCC della Tuscia nella BCC di Roma.

«incontro_pac3Gli operatori economici e le famiglie sul territorio della Tuscia – hanno spiegato i dirigenti della BCC – potranno quindi usufruire di 9 sportelli (oltre i 140 altri sportelli della BCC di Roma diffusi tra il Lazio e l’Abruzzo): Monte Romano, Farnese, Ischia di Castro, Tarquinia, Montalto di Castro, Viterbo, Tuscania, Canino, Civita Castellana e Civitavecchia, con un unico interlocutore forte, la BCC di Roma, banca che potrà associare alla propria solidità (è al secondo posto tra tutti gli istituti di medie dimensioni italiani), l’esperienza della BCC della Tuscia e dei suoi soci, conoscenze maturate in cento anni di vita sul territorio».

«Quello di lunedì – commenta il sindaco Caci – è stato un incontro molto importante per il settore agricolo e la massiccia presenza degli agricoltori, degli imprenditori agricoli e delle associazioni di categoria ne è stata la dimostrazione. Con una giusta politica agricola e grazie alla vicinanza delle banche del territorio, oltre al continuo sostegno dell’amministrazione comunale, come l’aliquota sull’Imu dei terreni agricoli al 4,6 per mille piuttosto che l’azzeramento della Tasi sugli stessi e sui fabbricati rurali strumentali, il settore agricolo potrà pian piano avere il giusto slancio che merita».

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altre notizie