Coronavirus: il flash mob, alle 18 si canta l’Inno nazionale dalla finestra

C'è voglia di vita, di abbracci, in un paese recluso per prevenire e debellare la diffusione del virus

0

MONTALTO DI CASTRO – Sul litorale non mollano. C’è voglia di vita, di abbracci, in un paese recluso per prevenire e debellare la diffusione del virus. Da piazza Padella a piazza Carlo Alberto dalla Chiesa a  Montalto, da via IV Novembre a piazza Giacomo Matteotti a Tarquinia; alle 18 di oggi scatterà il flash mob: dalla finestra tutti a cantare l’Inno nazionale.

C’è chi prenderà la chitarra, chi alzerà il volume dello stereo. Un messaggio che si è trasmesso come un virus, attraverso i social, le chat, per far sentire la forza d’animo e la voglia di ricominciare la vita di tutti i giorni. Sui balconi questa mattina è spuntato il tricolore, distintivo di onore, di sangue e di sudore che rappresenta le radici di una nazione. Quella nazione in cui il popolo grida «Andrà tutto bene», perché convinto che tornerà a riabbracciarsi.