Da una tomba di 2500 anni fa spunta un balsamario di rara bellezza

Una meraviglia, un oggetto di grande rarità è stato scoperto a Vulci nell’ultima campagna di scavo alla necropoli dell’Osteria. Si tratta di un balsamario in faience, probabilmente di origine egizia, proveniente da una tomba femminile di inizio VI secolo a.C. Il reperto rappresenta una figura con un mantello di pelle maculata, forse di leopardo, e tra le mani sorregge il grande vaso al cui interno avrebbe dovuto contenere olii profumati o altre sostanze liquide.

Nella sepoltura, mai violata dai tombaroli, si nota adagiato lo scheletro della defunta che secondo gli archeologi apparterrebbe a una giovane donna di circa 20 anni. Una sorpresa per gli studiosi che hanno rinvenuto nel corredo funebre anche una coppa di origine greca in stile ionico, oltre a un bucchero con un attingitoio e un Kyathos (servizio da vino). I reperti sono stati tutti trasferiti al laboratorio di restauro di Fondazione Vulci a Montalto di Castro.

Ultime

Bonus in edilizia, 47mila posti di lavoro in fumo a causa di crediti inesigibili dalle imprese

Il presidente di Confartigianato Imprese Viterbo, Michael Del Moro: "Servono lo sblocco immediato e certezze sulle norme per gli incentivi”

Fermato a bordo di un’auto con 300 grammi di cocaina

Un giovane di Viterbo è stato arrestato dagli agenti...

Paesaggi dell’Arte, il 2 luglio alla necropoli, il 3 luglio concerto al tramonto a Porto Clementino

Entra nel vivo la rassegna “Paesaggi dell’Arte” a Tarquinia,...

Uomo armato in piazza inveisce contro i presenti, bloccato da un militare

Momenti di paura lunedì scorso in piazza XX Settembre...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.