VITERBO – Un pakistano e un turco sono stati scarcerati e immediatamente allontanati dal territorio nazionale dagli uomini della Polizia di Stato dell’ufficio immigrazione della questura di Viterbo.

Il  pakistano, con precedenti per produzione, detenzione e spaccio di sostanza stupefacente, è stato espulso come sanzione alternativa alla detenzione, in esecuzione dell’ordinanza emessa dall’ufficio di sorveglianza di Roma. Dimesso dalla casa circondariale di Viterbo dove stava scontando una pena di anni 3 e mesi 6, gli agenti lo hanno accompagnato all’aeroporto di Malpensa di Milano e imbarcato su un aereo diretto a Islamabad, in Pakistan.

Il turco, con precedenti per associazione a delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, su proposta del questore di Viterbo è  stato espulso con decreto del Prefetto. Prelevato presso il carcere, dove era recluso dal luglio 2015,  è stato accompagnato a Fiumicino dal personale dell’ufficio immigrazione e imbarcato su un volo diretto ad Istanbul.

Dall’inizio dell’anno ad oggi sono stati ben 106 i cittadini stranieri destinatari di un provvedimento di espulsione, di cui 36 sono stati accompagnati coattivamente  in frontiera con provvedimento del questore.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.