15.2 C
Lazio

In macchina con un piede di porco, denunciato

SCANSANO - I carabinieri della stazione di Scansano nei giorni scorsi hanno denunciato in stato di libertà un 29enne originario del Marocco,...
00:23:05

Nuove misure anticovid: tutte le novità, dalle zone rosse ai turni per le scuole

ROMA - Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha illustrato in diretta televisiva le nuove misure anticovid. Si tratta di un provvedimento...

Endoscopia digestiva, se ne parla il 21 febbraio a Tarquinia

Il palazzo comunale di Tarquinia
Il palazzo comunale di Tarquinia

TARQUINIA – Sabato 21 febbraio, a partire dalle 8, nella sala del Consiglio comunale di Tarquinia, si svolgerà il convegno “Endoscopia digestiva, le nuove offerte sul territorio regionale”.

L’evento, accreditato Ecm, è organizzato dal direttore dell’unità operativa di endoscopia digestiva dell’ospedale di Tarquinia, Fabio Baldi, con il patrocinio dell’amministrazione comunale, della Asl di Viterbo e della società italiana di endoscopia (area chirurgica), di cui lo stesso Baldi è vicepresidente regionale.

Al centro del dibattito, al quale parteciperanno numerosi professionisti provenienti dalle strutture sanitarie laziali, il ruolo della diagnostica endoscopica con particolare attenzione all’introduzione delle “Case della salute” e ai risultati della campagna di screening per la prevenzione del tumore del colon-retto, attivata nel 2014 anche presso la Asl viterbese.

«Sarà un incontro dal carattere operativo – spiega Baldi – in quanto consentirà un confronto concreto e fattivo al quale parteciperanno colleghi professionisti in endoscopia digestiva, infermieri e tecnici della Regione Lazio, su argomenti di politica socio sanitaria sempre più strategici. In particolare cercheremo di chiarire la finalità delle case della salute, il ruolo delle varie figure professionali all’interno delle stesse e come nel percorso assistenziale si collochi materialmente l’attività di endoscopia diagnostica e/o operativa».

Durante il convegno, inoltre, saranno presentati i primi risultati, le problematicità organizzative e gli standard minimi di qualità dello screening dei tumori del colon retto nei vari centri dedicati a livello regionale.

- Advertisement -

Altre notizie

In macchina con un piede di porco, denunciato

SCANSANO - I carabinieri della stazione di Scansano nei giorni scorsi hanno denunciato in stato di libertà un 29enne originario del Marocco,...

Mercatino dell’antico, domenica in Piazza dei Caduti e in via Ascenzi

VITERBO - Domenica 18 ottobre, terza domenica del mese, torna l’appuntamento in centro con il Mercatino dell’antico. A ricordarlo è l’assessore allo...

Tromba d’aria sul litorale

Il maltempo flagella il litorale laziale. Questa notte i Vigili del fuoco della caserma Bonifazi sono stati impegnati, a causa delle forti...

Fugge dopo un sinistro, rintracciata e denunciata dai carabinieri

CASTEL DEL PIANO - I carabinieri di Castel del Piano hanno denunciato alla Procura di Grosseto una donna originaria degli Stati Uniti...

I Templari Castell’Araldo e il fiume Marta, il 16 ottobre un convegno a tema

MARTA - Nella sala consigliare del Comune di Marta, generosamente offerta dall’amministrazione comunale, venerdì 16 ottobre dalle ore 15.30 si terrà il...

Screening all’istituto Alberghiero di Viterbo

VITERBO - È iniziato ieri mattina lo screening, promosso da Regione Lazio e gestito dall'equipe medica della ASL di Viterbo, presso il...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.