15 C
Lazio

HOME

Sabato l’ultimo saluto a Fulvio Recchi

MONTALTO DI CASTRO - Si terranno sabato 17 ottobre, alle ore 15:00, presso la chiesa di Santa Maria Assunta i funerali di...

Pusher arrestato dalla Mobile, eroina e cocaina in casa

VITERBO - La Squadra Mobile ha arresto in flagranza per detenzione di stupefacenti a fini di spaccio di un cittadino albanese di...

Oggi sono 39 i nuovi casi di positività al Covid nella Tuscia

Gli ultimi referti di positività sono collegati a tamponi eseguiti su cittadini residenti o domiciliati nei seguenti comuni: 12 a Viterbo, 4 a Castel Sant’Elia, 3 a Vallerano, 2 a Nepi, 2 a Ronciglione, 2 a Civita Castellana, 1 a Oriolo Romano, 1 a Marta, 1 a Vitorchiano, 1 a Monterosi, 1 a Vetralla, 1 a Grotte di Castro, 1 a Bassano Romano, 1 a Blera, 1 a Capodimonte, 1 a Caprarola, 1 a Corchiano, 1 a Farnese, 1 a Faleria e 1 ad Acquapendente

Geotermico, il no della Tuscia

FARNESE – La Tuscia, unita, si dichiara contraria al geotermico. Questa mattina a Farnese si è tenuto un consiglio straordinario, con unico punto all’ordine del giorno la realizzazione di una centrale geotermica che prevede quattro pozzi esplorativi: due proprio a Farnese ed altrettanti ad Ischia.

Il consiglio si è aperto con i saluti del sindaco di casa, Massimo Biagini, il quale ha ringraziato i presenti leggendo un documento, condiviso e sottoscritto dai presenti, nel quale l’amministrazione si impegna a vigilare il territorio in ottica di speculazioni attuali, il geotermico appunto, e future.

Dopo l’impegno scritto del Consiglio comunale la parola è passata a numerosi sindaci del circondario. Poiché la geotermia ad alta e media entalpia, ossia quella che punta alla produzione di energia elettrica, è un problema che riguarda tutta la provincia. Tante infatti sono le domande che ditte, aziende e privati vari hanno consegnato nel viterbese. Poche invece le possibilità che tali progetti possano andare a buon fine. Le recenti vicissitudini di Latera, così come del resto la situazione disastrosa delle vicine Toscana e Umbria, insegnano che il centro Italia non è assolutamente adatto a tali pratiche.

Successivamente ai pareri dei sindaci e ad alcune interrogazioni della fittissima popolazione accorsa, si è espresso anche l’onorevole Alessandro Mazzoli. “Condivido le osservazioni – ha detto – e rimango a disposizione per il futuro. L’Italia è lo stato maggiormente sostenibile da un punto di vista energetico, vogliamo certo migliorare, ma non è possibile che si passi da un cercare di realizzare un piano energetico sostenibile ad una provincia sotto assedio. Serve piuttosto strategia, e su ampia scala. Scendendo nello specifico invece ricordo che il colosso Enel ritiene che in qua la geotermia non si può assolutamente fare. Non è possibile”.

Dello stesso avviso pure l’onorevole Alessandra Terrosi, da molto impegnata su questo fronte. “Il problema è politico – ha spiegato – e va affrontato dall’alto. Finora non siamo riusciti a muoverci per tutelare un territorio come questo. Nel quale la prima ditta che arriva, seppur senza storico e con un capitale sociale inappropriato, può imporsi e scavalcare cittadini e autorità”.

In effetti il problema di Farnese è legato proprio a tale aspetto. Il Comune si è detto contrario (così come del resto anche quello Ischia di Castro), gli abitanti stanno lottando per scongiurare la sciagura, Provincia e Regione restano convinte che la cosa non va portata avanti, ma il tutto si gioca nelle stanze del Ministero, laddove si decide in merito alle concessioni per progetti di questo tipo. “Confermo che il problema è politico – ha chiuso il giro di voci il consigliere regionale nonché presidente della Commissione Ambiente alla Pisana, Enrico Panunzi – in Regione possiamo occuparci della bassa entalpia ma non dell’alta. Personalmente sono contrario a scendere di quattro chilometri sotto terra in una zona sismica e così ricca di gas Radon. E, per il semplice criterio di precauzione, poiché in materia se ne sentono di tutti i colori, eviterei qualsiasi tentativo di bucare. Abbiamo però le mani legate, a vederla bene. Ma porteremo comunque le nostre e le vostre convinzioni a chi di dovere. Questa è pura e semplice speculazione. Ciò di cui abbiamo bisogno invece sarebbero gli strumenti normativi, una mappatura nazionale che specifichi dove si può realizzare cosa”.

La battaglia è quindi appena cominciata. Ed il comitato “Farnese, ambiente, salute e territorio”, presente al Consiglio, ringrazia quanti intervenuti all’incontro, rinnova la possibilità di adesione al comitato, e annuncia una nuova assemblea che a breve si terrà ad Ischia di Castro, in pieno accordo con l’amministrazione comunale e col sindaco Salvatore Serra.

- Advertisement -

Altre notizie

Mercatino dell’antico, domenica in Piazza dei Caduti e in via Ascenzi

VITERBO - Domenica 18 ottobre, terza domenica del mese, torna l’appuntamento in centro con il Mercatino dell’antico. A ricordarlo è l’assessore allo...

Tromba d’aria sul litorale

Il maltempo flagella il litorale laziale. Questa notte i Vigili del fuoco della caserma Bonifazi sono stati impegnati, a causa delle forti...

Fugge dopo un sinistro, rintracciata e denunciata dai carabinieri

CASTEL DEL PIANO - I carabinieri di Castel del Piano hanno denunciato alla Procura di Grosseto una donna originaria degli Stati Uniti...

I Templari Castell’Araldo e il fiume Marta, il 16 ottobre un convegno a tema

MARTA - Nella sala consigliare del Comune di Marta, generosamente offerta dall’amministrazione comunale, venerdì 16 ottobre dalle ore 15.30 si terrà il...

Screening all’istituto Alberghiero di Viterbo

VITERBO - È iniziato ieri mattina lo screening, promosso da Regione Lazio e gestito dall'equipe medica della ASL di Viterbo, presso il...

L’assessore Notazio: “Le bellezze del nostro territorio alla fiera internazionale del Turismo di Rimini”

MONTEFIASCONE - Il Comune di Montefiascone protagonista alla Fiera del Turismo di Rimini. L’assessore al turismo Fabio Notazio, dopo le nuove iniziative...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.