“Gli affreschi della tomba François saranno visibili al pubblico”

MONTALTO DI CASTRO – “L’enorme collezione d’arte dei Torlonia sarà visibile al pubblico e questo anche grazie al nostro pressing parlamentare sul Ministro dei Beni culturali”. Lo dichiara il portavoce 5Stelle della Tuscia, Massimiliano Bernini. “E’ stato uno dei primi argomenti di cui mi sono interessato appena insediato in Parlamento – continua Bernini -. Sollecitato e coadiuvato dal MeetUp di Canino, “Grillini Caninesi” ho infatti presentato nel giugno 2013 due interrogazioni al Ministro per i beni e le attività culturali per chiedere informazioni sugli affreschi rinvenuti nel 1857 nella tomba François a Vulci in provincia di Viterbo. Dopo il loro ritrovamento infatti, vennero rimossi e trasferiti presso alcune strutture di proprietà della famiglia Torlonia e conservate presso la Kaffeehaus di Villa Albani, anch’essa di proprietà della famiglia.

Ricordavo al ministro che i preziosi reperti non sono mai stati liberamente fruibili al pubblico (se si esclude la mostra presso il castello di Vulci per alcuni mesi del 2004), nonostante una sentenza della Corte di Cassazione del 1979 censurasse il comportamento dei Torlonia in merito alla conservazione degli affreschi e di tutta la collezione d’arte, concludendo che “un simile tesoro d’arte va difeso con la rigorosa applicazione delle leggi” e che “il privato che abbia disperso o distrutto una cosa artisticamente protetta, e che non sia quindi suscettibile di riduzione in pristino, è condannato al pagamento in favore dello Stato di una somma pari al valore della cosa perduta o della diminuzione di valore subita per effetto del suo comportamento”.

[sc name=”videoadvertising” ]

“Purtroppo – continua Bernini – la sentenza è rimasta incredibilmente inapplicata e gli affreschi assieme ad altre centinaia di opere d’arte sono rimasti negli anni ammassati temporaneamente in un locale della Kaffeehaus. Il ministro ci fece dunque sapere che nel 2013 era stato eseguito un sopralluogo da parte di funzionari responsabili dell’istituto superiore per la conservazione e il restauro verificando che “le condizioni ambientali del locale non sembrano determinare situazioni di rischio e che il luogo di conservazione, per quanto riguarda l’umidità e la temperatura, risulta controllato attraverso l’uso di un termoigrografo”.

Infine nel 2015 durante la discussione della conversione del decreto-legge n.146 , recante misure urgenti per la fruizione del patrimonio storico artistico della Nazione, è stato accolto l’ordine del giorno a mia prima firma che impegnava il Governo a rendere pienamente fruibili da parte di tutti i cittadini i famosi affreschi della Tomba François. Per questo non possiamo che apprendere con soddisfazione dell’accordo tra il Ministero dei Beni culturali e la famiglia Torlonia e ci auspichiamo che davvero porti in un breve futuro all’esposizione completa e permanente della collezione”.

“Tuttavia – conclude Bernini – chiediamo che gli affreschi della tomba François tornino nel luogo d’origine, ossia nella Tuscia, e che il Mibact investa anche sul patrimonio della civiltà etrusca; troviamo infatti non giusto che di una simile opera debbano goderne i soliti poli museali capitolini e non i territori dove essa è nata e fiorita”.

Ultime

Omaggio alla Madonna dello Speronello, il 15 e 16 agosto Montalto festeggia il 25esimo anniversario

Quest’anno ricorre il 25esimo anniversario della Madonna dello Speronello:...

Venticinque imprenditori tarquiniesi assieme per chiedere un finanziamento regionale di circa 100mila euro

“Tarquinia in Commercio”: venticinque imprenditori della città etrusca, impegnati...

La Tuscia nella morsa degli incendi

Una giornata nera quella di ieri per Vigili del...

Torna Passæggi di Tempo, le visite guidate alla scoperta del territorio

Giunto alla terza edizione il programma di “esperienze per...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.