Gli studenti del “Cardarelli” a lezione di investigazione

I liceali protagonisti degli incontri del progetto "SperimentalMente", modulo "LegalMente"

TARQUINIA – Si chiama Magda, è un manichino ed è stata la protagonista della ricostruzione di una scena del crimine che ha visto impegnati in attività di repertazione e di esecuzione di rilievi descrittivi e dattiloscopici gli studenti del liceo classico e scientifico dell’Istituto d’Istruzione Secondaria Superiore (IISS) “Vincenzo Cardarelli” di Tarquinia che hanno aderito al progetto PON “SperimentalMente”, modulo “LegalMente”.

Durante il primo incontro, il sostituto commissario Antonio Mancini ha illustrato le diverse tecniche di indagine utilizzate dalla polizia scientifica attraverso una dimostrazione pratica delle attività compiute in fase di sopralluogo.

Gli studenti sono stati coinvolti in una serie di attività che hanno visto l’acquisizione di alcuni reperti (bossoli, sangue, una pistola, un coltello ed un foglio con una scritta lasciato dall’assassino sul luogo del delitto) e il prelievo di alcune impronte digitali rinvenute in un armadio accanto al “cadavere”. Durante tali operazioni il sostituto commissario ha illustrato le varie modalità di prelievo delle parti organiche utilizzate per effettuare l’esame del DNA e le tecniche di rilevazione e di comparazione delle impronte digitali.

Nel corso del successivo incontro sono state esposte schematicamente le diverse fasi del processo penale e i vari organi giurisdizionali per tornare poi ad affrontare il tema dell’acquisizione delle prove nella fase delle indagini preliminari attraverso l’esposizione delle varie tipologie di perquisizioni, personali e domiciliari, e intercettazioni, telefoniche ed ambientali. Agli studenti è stato, infine, assegnato un ruolo che dovranno ricoprire nel corso di una simulazione del processo penale per “l’omicidio di Magda”.

Ci saranno quindi gli agenti di PG, l’indagato/imputato, i difensori, il pubblico ministero, il medico legale, gli agenti della polizia scientifica, i testimoni e infine il collegio giudicante. Il modulo “LegalMente, per una cittadinanza attiva e consapevole” è condotto da un gruppo di esperti in materie giuridiche-economiche: Simonetta Segneri, Claudia Cesarini, Eleonora Santi, Antonio Mancini e dal tutor del modulo Cinzia Rossi ed ha lo scopo di consentire agli studenti del liceo di avere un incontro ravvicinato con il diritto per comprendere l’importanza delle regole in una società civile.

Nelle prossime settimane sono previste delle lezioni in modalità laboratoriale di diritto costituzionale e commerciale e un’uscita didattica presso il tribunale di Civitavecchia dove i ragazzi potranno assistere ad un’udienza penale.

Advertisement

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.