28 C
Viterbo
martedì 28 Settembre 2021

Guardia di finanza: colpo ai falsari, sequestrati articoli contraffatti

Le Guardia di finanza di Follonica, sotto il coordinamento del Comando Provinciale di Grosseto, hanno sequestrato articoli tarlocchi e irregolari destinati alla vendita illegale sulle spiagge del litorale.

Si tratta di 200 pezzi recanti loghi falsificati delle principali griffe italiane e straniere dei più recenti modelli da pochissimo sul mercato e con finiture di elevata fattura, seppur contraffatti. Borse e scarpe che sarebbero state vendute, “in nero” e senza alcuna garanzia ad improvvisi acquirenti, anche per centinaia di euro l’uno. Il valore complessivo di quanto sequestrato è di circa 10mila euro.

In particolare la tenenza di Follonica è riuscita a scoprire una innovativa tecnica di approvvigionamento e rifornimento. Delle vere e proprie “buche” segrete e mimetizzate nella boscaglia e nelle pinete nei pressi dei litorali follonichesi. Questa notte il blitz decisivo: i finanzieri, dopo un’articolata attività di intelligence e controllo economico del territorio, si sono appostati nei pressi di una località immersa nel verde alle porte di Follonica, dove si riteneva potesse avvenire l’opera di interramento (ovvero di disseppellimento per la successiva vendita
illegale) della merce contraffatta.

Intorno alle 4 di notte i finanzieri hanno notato nella boscaglia dei movimenti sospetti e dei soggetti non meglio identificati, a tal punto da fermare e identificare i malviventi che sono però fuggiti nell’oscurità.

Dopo un’accurata ricerca, la sorpresa da parte dei finanzieri: sono state individuate alcune buche, scavate nella terra e ricoperte con mimetismi (aghi di pino, sterpaglia, foglie), all’interno delle quali sono stati rinvenuti diversi sacchi contenenti gli articoli contraffatti.

Sono in corso indagini per risalire alla filiera di approvvigionamento e a tutti i soggetti
coinvolti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altre notizie