Guerra agli ambulanti abusivi, arrestato un senegalese

0

MONTALTO DI CASTRO – Borse, scarpe, cinture, piumini e borselli. I carabinieri di Montalto ne hanno sequestrati in totale 200 pezzi in un blitz avvenuto sulla spiaggia contro il commercio abusivo. E’ stato arrestato un senegalese di 43 anni residente a Canino e denunciate inoltre tre persone nell’operazione avvenuta nello scorso weekend. I militari, coordinati dal maresciallo Sebastiano Zampone, sono intervenuti a seguito della denuncia di un comitato spontaneo di commercianti, stanchi dei venditori ambulanti che ogni giorno fanno affari illegali a discapito di chi paga le tasse. Il senegalese è stato fermato sul lungomare Harmine e al controllo ha dato delle false generalità. I carabinieri, dopo gli accertamenti, lo hanno arrestato per sostituzione di persona. Su di lui pendevano anche due ordini di cattura e ora l’uomo si trova nel carcere di Civitavecchia. Tutta la merce griffata, abilmente falsificata, veniva venduta ai villeggianti ad un prezzo accattivante sotto gli occhi di tutti. In una circostanza una 14enne ha riportato delle irritazioni alla pelle dopo aver acquistato un costume da bagno.

“Per timore di vedere sequestrata la loro merce – spiega il comandante della Compagnia di Tuscania Pietro Rajola Pescarini – i venditori ambulanti mostrano ai bagnanti dei cataloghi attraverso il cellulare, e in caso di interesse, vanno a recuperare il capo di abbigliamento nascosto altrove”. E’ infatti solito degli ambulanti abusivi nascondere la mercanzia nelle loro auto parcheggiate lontano dalle spiagge, oppure tra la fitta vegetazione nei pressi delle pinete del litorale. “I commercianti non ne possono davvero più – aggiunge il comandante Zampone – lamentando una concorrenza sleale che mette a repentaglio i loro affari”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.