18.3 C
Lazio

HOME

Gli operatori del settore turistico alla fiera internazionale del turismo

MONTALTO DI CASTRO - Investire sulle proprie capacità imprenditoriali approfondendo le novità del settore, così da offrire e migliorare i servizi sul...

Covid: nel Lazio coprifuoco da venerdì l’ordinanza della Regione

ROMA - Il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e il ministro alla Salute Roberto Speranza hanno firmato l’ordinanza con la quale...

Sequestrati circa 1,5 chili di droga, due arresti dei carabinieri

MARTA - I carabinieri della stazione di Marta, unitamente ai al Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Montefiascone, hanno effettuato dei...

“I No Coke al Comune di Civitavecchia possono spegnere la centrale”

TARQUINIA – I No Coke hanno il potere di spegnere la centrale. I loro rappresentanti nell’amministrazione Comunale di Civitavecchia, tra cui l’assessore all’ambiente che per anni ha protestato sotto il palazzo comunale di Tarquinia, possono pressare il sindaco di firmare un’ordinanza per chiudere l’impianto e per risolvere, in un battito di ciglia, il problema.

Ma hanno il coraggio di farlo? È questa la domanda che si devono fare i No Coke. Non si nascondano dietro un dito e cerchino di sviare l’attenzione, con l’ennesima e inutile polemica sull’Osservatorio Ambientale e attaccando gli altri o girando attorno, come sempre, alla questione.

La mia una provocazione? Certamente ma non più di tanto! Anche perché ora sono sul ponte di comando dell’unico Comune del comprensorio che ha i poteri di fermare la centrale.

Il mio punto di vista, condiviso da danti, è che l’Osservatorio Ambientale prosegua la propria strada, perché è un ente in grado di fare la differenza. I dati presentati nel secondo convegno annuale dimostrano una perfetta integrazione con l’Arpa e l’importanza di questo Ente con la sua azione di prevenzione e sorveglianza del territorio. L’Enel paga la ricerca? È giusto che sia così perché chi inquina deve pagare sia la ricerca sia la prevenzione in materia di salute.

Le chiacchiere stanno a zero. Quello dei No Coke è un bluff per nascondere l’incapacità di prendere da parte dei loro amministratori una decisione molto semplice. Il sindaco di Civitavecchia intervenga e, se ci sono le condizioni d’inquinamento, firmi l’ordinanza di chiusura. Quanto era facile dall’opposizione chiedere l’impossibile ad altri Comuni.

Il sindaco Mauro Mazzola

- Advertisement -

Altre notizie

Mercatino dell’antico, domenica in Piazza dei Caduti e in via Ascenzi

VITERBO - Domenica 18 ottobre, terza domenica del mese, torna l’appuntamento in centro con il Mercatino dell’antico. A ricordarlo è l’assessore allo...

Tromba d’aria sul litorale

Il maltempo flagella il litorale laziale. Questa notte i Vigili del fuoco della caserma Bonifazi sono stati impegnati, a causa delle forti...

Fugge dopo un sinistro, rintracciata e denunciata dai carabinieri

CASTEL DEL PIANO - I carabinieri di Castel del Piano hanno denunciato alla Procura di Grosseto una donna originaria degli Stati Uniti...

I Templari Castell’Araldo e il fiume Marta, il 16 ottobre un convegno a tema

MARTA - Nella sala consigliare del Comune di Marta, generosamente offerta dall’amministrazione comunale, venerdì 16 ottobre dalle ore 15.30 si terrà il...

Screening all’istituto Alberghiero di Viterbo

VITERBO - È iniziato ieri mattina lo screening, promosso da Regione Lazio e gestito dall'equipe medica della ASL di Viterbo, presso il...

L’assessore Notazio: “Le bellezze del nostro territorio alla fiera internazionale del Turismo di Rimini”

MONTEFIASCONE - Il Comune di Montefiascone protagonista alla Fiera del Turismo di Rimini. L’assessore al turismo Fabio Notazio, dopo le nuove iniziative...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.