“Il centro di aggregazione giovanile di Tarquinia non deve chiudere”

TARQUINIA – Il centro di aggregazione giovanile (Cag) di Tarquinia, rischia la chiusura. Fra alcuni giorni, infatti, scadrà la proroga concessa dal commissario straordinario, e un mancato rinnovo almeno fino all’insediamento del nuovo consiglio comunale, determinerebbe la chiusura di un importante centro di aggregazione culturale e sociale della gioventù tarquiniese.

Tutti capiscono quanto sia fondamentale, avere un luogo simbolico e di riferimento concreto per i giovani; un posto dove fare musica, incontrarsi, organizzare il proprio tempo libero; un’area di confronto delle proprie esperienze e di sperimentazione della propria capacità di vivere e crescere in un gruppo. Un luogo capace di porsi come realtà culturale e valida alternativa alla strada, al qualunquismo, al disimpegno.

Avere un centro di aggregazione giovanile a Tarquinia, significa dare ai ragazzi la possibilità di scegliere. Una magnifica opportunità di creare e costruire. Queste furono le motivazioni che hanno portato alla creazione del Cag, e oggi, nessuna di esse è venuta meno.

Anche il commissario straordinario fra pochi giorni dovrà scegliere. Mantenere in vita un simbolo di unione e cultura lasciando che sia la nuova amministrazione comunale a deciderne le sorti future, o chiudere una struttura viva e vitale, capace di offrire servizi e di costruire confronto e amicizia. Una cosa possiamo garantire fin da ora. Se le elezioni condurranno a governare la città una maggioranza consiliare di centro sinistra, il Cag non morirà. Lo abbiamo fortemente voluto, continueremo a tutelarlo, rafforzeremo i valori che rappresenta.

La segreteria del Pd Tarquinia, circolo “Domenico Emanuelli”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.