Il Ministro dell’Istruzione: “L’anno sarà valido”

"L'anno sarà salvo in qualsiasi caso, i nostri studenti non devono pagare la situazione di emergenza". Lo ha detto Il Ministro dell'Istruzione Lucia Azzolina a Rai Radio1

0

ROMA – “L’anno sarà salvo in qualsiasi caso, i nostri studenti non devono pagare la situazione di emergenza”. Lo ha detto Il Ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina a Rai Radio1 in una intervista riguardo agli studenti che stanno affrontando anche loro questo delicato momento.

“I possibili scenari li stiamo pensando un po’ tutti e saranno le autorità sanitarie a dirci quando i nostri studenti potranno tornare a scuola in sicurezza – dice il ministro -. La situazione è variegata, ci sono realtà dove la didattica a distanza funziona benissimo ed altre dove si stanno formando. C’è un grandissimo sforzo da parte della classe docente a farlo, è uno sforzo titanico”.

“La didattica a distanza non è solo apprendimento – aggiunge il Ministro Azzolina – ma anche la voce rassicurante del professori in un momento in cui i ragazzi sono smarriti, oggi i professori italiani possono fare la differenza nella vita degli studenti. Non posso dire al momento come sarà la maturità. Ci stiamo preparando a tutte le eventualità. Non abbiamo ancora parlato di commissioni esterne o interne. Non sarà semplificato, sarà un esame serio che tenga conto gli apprendimenti che gli studenti stanno portando avanti in questi giorni. Noi siamo consapevoli delle disuguaglianze presenti nel nostro paese e infatti nel decreto Cura Italia ci sono 85 milioni di euro da dedicare a pc e tablet. A giorni – conclude il Ministro – sarà pronto un monitoraggio sulla situazione scolastica e sulla didattica a distanza”.