19.1 C
Lazio

HOME

Al via i corsi di musica del Corpo Bandistico M° Carlo Grani

Giovedì 22 ottobre, alle ore 18:30, presso il Complesso monumentale San Sisto, si terrà il primo incontro in cui l'associazione presenterà alla cittadinanza il progetto

Mercatino dell’antico, domenica in Piazza dei Caduti e in via Ascenzi

VITERBO - Domenica 18 ottobre, terza domenica del mese, torna l’appuntamento in centro con il Mercatino dell’antico. A ricordarlo è l’assessore allo...

Pusher arrestato dalla Mobile, eroina e cocaina in casa

VITERBO - La Squadra Mobile ha arresto in flagranza per detenzione di stupefacenti a fini di spaccio di un cittadino albanese di...

La Polizia di Stato ha posto fine ad una attività di riciclaggio di veicoli di media cilindrata

Operazione "Castro", due persone sottoposte a misure cautelari e interdittive

VITERBO – La Polizia di Stato ha concluso un’importante  indagine di riciclaggio di autoveicoli, che ha portato all’arresto  di un trentaduenne, di origini campane, e alla denuncia in stato di libertà, e conseguente sottoposizione alla misura cautelare interdittiva del divieto di esercizio di attività d’impresa, di in quarantaduenne, quest’ultimo titolare di una concessionaria automobilistica plurimarche della provincia di Viterbo.

L’indagine, diretta dal sostituto procuratore Chiara Capezzuto, ha impegnato gli uomini della squadra giudiziaria della sezione polizia stradale di Viterbo, coordinati dal comandante Gian Luca Porroni, per più di un anno ed è culminata con l’esecuzione delle due misure cautelari emesse dal gip del tribunale di Viterbo.

Un traffico illecito su “larga scala”, quello scoperto dalla Polizia Stradale, che andava avanti già dal 2018 e si era radicato sull’intero territorio nazionale: tale “attività illegale”  assicurava ai partecipi introiti così consistenti da diventare, per questi, una vera e propria “professione”, stabile, esclusiva ed altamente redditizia.

Prezioso è stato il raccordo investigativo e la collaborazione dei reparti di Polizia Stradale di Modena, Udine, Pescara, Siena, con i quali gli investigatori viterbesi hanno interagito al fine di rintracciare veicoli. L’attività ha consentito di sequestrare sul territorio viterbese 12 autovetture, restituite ai legittimi proprietari, e di individuarne altrettante, oltre a  documentazione falsa utilizzata per riciclare i veicoli rubati.

Ad essere prese di mira, quasi sempre, vetture di media cilindrata, rubate, nella maggior parte dei casi, nel napoletano e rivendute, attraverso il concessionario viterbese, ad ignari acquirenti a carico dei quali è stato poi operato il sequestro.

Il modus operandi attuato dal gruppo criminale è risultato il frutto di una collaudata esperienza criminale nel settore e di una profonda conoscenza delle operazioni di   “nazionalizzazione” dei veicoli provenienti dall’estero: una procedura con la quale sono stati “riciclati” la maggior parte dei veicoli individuati.

In sostanza, i veicoli rubati sul territorio italiano venivano nuovamente posti in circolazione dopo la modifica dei numeri di telaio oggetto di ricerca, con quelli appartenenti a medesimi veicoli “regolari” circolanti in altre nazione, creando di fatto i c.d.  “cloni”.

In altri casi, venivano utilizzati targhe e documenti di circolazione pertinenti veicoli sinistrati e non più idonei alla circolazione, che venivano apposti, come nel caso precedente, sui mezzi rubati dopo averne curato cancellazione del telaio originale, al fine di renderne impossibile l’identificazione.

Il valore dei veicoli sequestrati è superiore ai 300 mila euro. Nel corso dell’operazione, è stata anche sventata una truffa ai danni di una compagnia assicurativa, alla quale uno dei due soggetti aveva richiesto un indebito risarcimento danni per un furto, in realtà, mai subito.

Un’attività investigativa di alto valore “specialistico” quella svolta dagli uomini della squadra di polizia giudiziaria, come sottolineato dal comandante della Stradale di Viterbo,  “che ha portato a disarticolare un vasto traffico di veicoli di provenienza delittuosa, che aveva a Viterbo il suo baricentro logistico”.

- Advertisement -

Altre notizie

Mercatino dell’antico, domenica in Piazza dei Caduti e in via Ascenzi

VITERBO - Domenica 18 ottobre, terza domenica del mese, torna l’appuntamento in centro con il Mercatino dell’antico. A ricordarlo è l’assessore allo...

Tromba d’aria sul litorale

Il maltempo flagella il litorale laziale. Questa notte i Vigili del fuoco della caserma Bonifazi sono stati impegnati, a causa delle forti...

Fugge dopo un sinistro, rintracciata e denunciata dai carabinieri

CASTEL DEL PIANO - I carabinieri di Castel del Piano hanno denunciato alla Procura di Grosseto una donna originaria degli Stati Uniti...

I Templari Castell’Araldo e il fiume Marta, il 16 ottobre un convegno a tema

MARTA - Nella sala consigliare del Comune di Marta, generosamente offerta dall’amministrazione comunale, venerdì 16 ottobre dalle ore 15.30 si terrà il...

Screening all’istituto Alberghiero di Viterbo

VITERBO - È iniziato ieri mattina lo screening, promosso da Regione Lazio e gestito dall'equipe medica della ASL di Viterbo, presso il...

L’assessore Notazio: “Le bellezze del nostro territorio alla fiera internazionale del Turismo di Rimini”

MONTEFIASCONE - Il Comune di Montefiascone protagonista alla Fiera del Turismo di Rimini. L’assessore al turismo Fabio Notazio, dopo le nuove iniziative...