La scuola incontra il mare: giornata formativa presso il porto di Civitavecchia

CIVITAVECCHIA – Martedì 27 novembre, presso il nuovo Terminal crociere “Amerigo Vespucci”, nel porto di Civitavecchia, si terrà l’evento dal titolo “La Cittadinanza del Mare”, al quale parteciperanno docenti e dirigenti scolastici delle Istituzioni di ogni ordine e grado, tra cui le 28 Scuole Polo per la Formazione della Regione Lazio.

L’evento, organizzato con la collaborazione dell’Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio, dell’Assessorato al Turismo e alle Pari Opportunità della Regione Lazio e dell’Autorità
di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro-settentrionale e presenziato dal Sottosegretario
di Stato al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca dott. Salvatore Giuliano e dal Direttore Generale dell’USR per il Lazio dott. Gildo De Angelis, assumerà il carattere di “giornata formativa” grazie all’intervento di autorevoli relatori che introdurranno, infatti, una serie di tematiche dedicate al mare e all’ambiente marino, le quali saranno in seguito
elaborate e sviluppate, durante l’anno, dalle stesse scuole partecipanti.

I rappresentanti del mare, chiamati a “dipingere” le diverse sfaccettature
dell’ambiente marino, saranno Donatella Bianchi, Presidente del WWF Italia, Simone
Arrigoni, primatista di apnea, la Dott.ssa Maria Carmela Giarratano, Direttore Generale della Direzione Generale per la Protezione della natura e del mare del Ministero dell’Ambiente, dott. Roberto Arciprete, Vice Presidente Nazionale AGCI, dott. Roberto Neglia dell’Area Rapporti Istituzionali UCINA, il dott. John Portelli, Direttore Generale Roma Cruise Terminal, il dott. Antonio Ricchi, ricercatore CNR e Mauro Pelaschier, velista Italiano.

Durante la giornata verrà firmato un protocollo di intesa tra l’Ufficio Scolastico
Regionale per il Lazio e la Direzione Marittima del Lazio con la finalità di introdurre e
sviluppare nella coscienza di ogni giovane il concetto di “cittadinanza del mare”.

Si tratta di un percorso culturale che si inquadra nel nuovo articolo 52 del codice della
nautica da diporto, il quale, oltre ad istituire la giornata del mare (11 aprile), ha investito le
scuole della facoltà di inaugurare progetti formativi aventi ad oggetto la risorsa mare,
avvalendosi, tra gli altri, delle Capitanerie di porto.

Considerato l’imponente territorio marittimo del nostro Paese, si è ritenuto di poter far
diventare gli studenti cittadini “attivi” del mare, vale a dire suoi tutori per la conservazione del bene e suoi diffusori per la cultura che esso implica.