La “Sfilata di moda al contrario” convince e conquista i visitatori

0

TARQUINIA – La “Sfilata di moda al contrario” convince e conquista i visitatori. L’iniziativa organizzata dalle associazioni Viva Tarquinia e Oltrepensiero, con il patrocinio del Comune di Tarquinia, è riuscita a promuovere le attività commerciali e a valorizzare il centro storico della città etrusca, con corso Vittorio Emanuele trasformato per l’occasione in passerella con le modelle e i modelli fermi al centro della via.

Centinaia le persone che, camminando, hanno potuto ammirare la bellezza dei capi e degli accessori di moda e la ricchezza degli allestimenti. Il tutto nel pieno rispetto delle disposizioni anti-covid. “È stato un lavoro collettivo per ripartire e dare un messaggio energizzante e di vitalità alla città, in questa strana estate 2020 – sottolineano le due associazioni -.

Un invito alla collaborazione che è stato accolto dai commercianti. Un modo di riaffermare che noi ci siamo e che Tarquinia vuole rilanciarsi dal punto di vista economico, sociale e culturale, dopo i mesi di chiusura per la diffusione del coronavirus”. Tanti i ringraziamenti da fare per una manifestazione che in molti chiedono di riproporre nel 2021, coinvolgendo anche altre vie del cuore antico della città.

“Per il trucco e le acconciature Jaco’s Hair, Hairdream, Nuova Forma, Ciatti, Newstyle, Hair Design e Arianna Ferri – aggiungono Viva Tarquinia e Oltrepensiero -. Ringraziamo poi Guido Elisei, Alessandro Jacopucci, Fabrizio Olivieri, Luca Piroli, Arianna Orrù e Simone Bonifazi che hanno eseguito il montaggio e lo smontaggio degli allestimenti. I titolari delle attività Amicizia Sport, Duart’s, Estes, Anna Boutique, Blitz, Emporio Club, Malvisto, Panda, Stardust, Doppio Passo, Lazzeri Gioielleria, It Style, Foto Ottica Fabio, Gioielleria Bondi, La Cadena Souvenir e Sapori, Foto Ottica Valerioti, Foto Ottica Bruno, Controcorrente, Arredamenti Camillucci e La Fioreria. I volontari dell’Aeopc. E grazie a Stefano Tienforti, Fabrizio Ercolani e Andrea Tonicchi che hanno curato la diretta streaming su facebook, per dare la possibilità di vedere la sfilata a chi non ha avuto modo di partecipare. Ognuno, sottolineiamo, ha dato il proprio contributo in forma di volontariato”.