La Tuscia protagonista in un Lazio più forte

Il consigliere Panunzi ieri pomeriggio a Vitorchiano al circolo del PD

VITORCHIANO – “Oggi il Lazio è più forte e la Tuscia conta di più”. Parola di Enrico Panunzi. Il consigliere regionale era ieri, 26 gennaio, a Vitorchiano per l’incontro organizzato dal circolo del Partito Democratico. Presenti il sindaco Ruggero Grassotti e la coordinatrice Ester Ielmoni.

“Nel 2013 avevamo 12 miliardi di euro da pagare. I soldi non c’erano. – ha detto Panunzi – Potevamo alzare bandiera bianca o rimboccarci le maniche. Abbiamo scelto con il presidente Nicola Zingaretti la via più difficile. Quella del risanamento. Prima i pagamenti alle imprese avvenivano oltre i 1000 giorni e nella sanità dopo i 250 giorni, contro i 180 previsti. I tempi sono stati drasticamente ridotti. Usciremo dal commissariamento decennale della sanità entro la fine dell’anno.

Abbiamo salvato le aziende partecipate come Cotral, che oggi ha un bilancio in attivo. E per Cotral abbiamo acquistato 430 autobus, avviando un rinnovamento del parco mezzi che non accadeva dal 1990. Siamo diventati la seconda regione italiana per l’uso dei fondi europei. Abbiamo razionalizzato i costi della macchina amministrativa e politica. Queste cose le dobbiamo raccontare con forza, per farle conoscere alle persone”.

Il discorso si sposta poi sulla Tuscia. «Il Patto per l’Italia firmato nel 2016 ha messo a disposizione della Regione Lazio oltre 1,4miliardi in opere pubbliche. – ha affermato il consigliere regionale – Di questa cifra, gran parte sono destinati alla Tuscia per completare la Trasversale da Cinelli a Tarquinia e per potenziare la linea ferroviaria Roma-Civita Castellana-Viterbo, con il raddoppio fino a Sant’Oreste e la nuova palificazione fino a Viterbo”.

Superata la fase emergenziale si apre quella dello sviluppo. «Ci sono ancora problemi da risolvere. – ha concluso il consigliere regionale – Occorre snellire, nel rispetto delle regole, la burocrazia per rendere più veloci le decisioni. Un esempio: il tratto della superstrada che arriva a Cinelli è stato progettato nel 2001 e cantierato nel 2016. Inaccettabile. Siamo però in grado di dare nuovo slancio economico, sociale e culturale alla Regione Lazio. Meritiamo con il presidente Zingaretti di concludere questo percorso virtuoso. E la Tuscia continuerà ad avere un ruolo da protagonista”.

Parole di apprezzamento all’operato di Panunzi da parte della coordinatrice Ielmini «perché Enrico è sempre stato presente. Ci è stato vicino in ogni occasione in cui è stato chiamato in causa. Ha annullato le distanze tra Vitorchiano, un piccolo centro della Tuscia, e la Regione”.

Sulla stessa lunghezza d’onda il sindaco Grassotti, per il quale «Panunzi ha avuto la capacità e il merito di ascoltare le istanze del territorio e di risolvere i problemi. Con il presidente Zingaretti ha restituito credibilità alla politica, mettendola al servizio dei cittadini, sebbene l’Italia abbia affrontato negli ultimi anni una gravissima crisi economica”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.