20.4 C
Lazio

HOME

Fugge dopo un sinistro, rintracciata e denunciata dai carabinieri

CASTEL DEL PIANO - I carabinieri di Castel del Piano hanno denunciato alla Procura di Grosseto una donna originaria degli Stati Uniti...

Covid, il bollettino della Asl: 25 casi nella provincia di Viterbo

VITERBO - Sono 22 oggi i casi accertati di positività al Covid-19 comunicati dalla sezione di Genetica molecolare di Belcolle al team...

Al via i corsi di musica del Corpo Bandistico M° Carlo Grani

Giovedì 22 ottobre, alle ore 18:30, presso il Complesso monumentale San Sisto, si terrà il primo incontro in cui l'associazione presenterà alla cittadinanza il progetto

Latte, Confagricoltura: “Opportuno intervenire per salvaguardare filiera allevamento ovino”

Le proposte di Confagricoltura per superare le difficoltà degli allevamenti

VITERBO – Confagricoltura Viterbo-Rieti intende esprimere la propria vicinanza agli allevatori ovini che in questi giorni hanno manifestato apertamente il loro malcontento, facendo proprie le giuste istanze e avanzando proposte di miglioramento del settore.

Il comparto interessa oltre 50mila allevamenti per circa 7,5 milioni di capi, il Lazio è la seconda regione per latte prodotto con più di 3.000 allevamenti ovini e 750.000 capi.

“E’ evidente – spiega Confagricoltura Viterbo-Rieti- che la situazione particolarmente critica di queste ultime settimane rientra in una dinamica purtroppo ricorrente, che vede ripetersi, da alcuni anni, periodi di aumento alternati a periodi di cali, anche bruschi, delle quotazioni”.

In questo momento, come confermano le cifre ufficiali diffuse dalla stessa Ismea i costi di produzione sono sistematicamente al di sotto dei prezzi alla produzione riconosciuti alla parte agricola, che sta operando in una situazione di deficit costi/ricavi.

Una situazione che dipende dai rapporti all’interno della filiera che, a parere dell’Organizzazione degli imprenditori agricoli, vanno decisamente migliorati, ma anche da una errata programmazione, che ha spinto ad eccessi di produzione a fronte di un contenuto aumento dei consumi interni e, soprattutto, di una brusca frenata dell’export che nel 2018 è calato del 33,3 per cento in quantità.

Per Confagricoltura è quindi opportuno intervenire con una serie di misure per salvaguardare la filiera dell’allevamento ovino.

In particolare:

occorre in primo luogo prevedere forme di ristoro immediato della carenza di liquidità degli allevatori colpiti dalla crisi, con l’erogazione della domanda unica e delle misure agroambientali nei tempi corretti;

è opportuno progettare l’introduzione di un incentivo per ettaro a favore degli allevatori, finalizzato a migliorare la quantità e la qualità della produzione di proteine vegetali valorizzando erbai, prati e prati-pascoli;

andrà poi valutata la possibilità di attivare ogni strumento di politica agricola nazionale e/o comunitaria per alleggerire il mercato dal surplus di prodotto, ritardandone l’immissione in commercio e valutando la possibilità di destinare parte del prodotto agli indigenti;

va comunque rivista la modalità di programmazione delle produzioni a denominazione di origine, che deve essere realizzata in un quadro di completa trasparenza e conoscenza dei dati di produzione e commercializzazione, che vanno a loro volta costruiti con un sistema di tracciabilità. La programmazione dovrà essere realizzata in piena collaborazione tra trasformatori e allevatori e prevedendo anche obiettivi realistici, in linea con gli andamenti di mercato;

al fine di ristabilire un rapporto leale tra gli operatori della filiera occorrerà poi valutare come migliorare le relazioni contrattuali e se ricorrono gli estremi per applicare la normativa nazionale sulle pratiche sleali (Legge n. 1/2012); in particolare, alla luce dei dati diffusi da Ismea, prendere in considerazione la possibilità di avviare una indagine per la vendita di prodotto agricolo palesemente sottocosto;

la crisi dell’export verificatasi nello scorso anno deve indurre, infine, a riposizionare le strategie di promozione incentivando maggiormente le azioni indirizzate a favorire le esportazioni di formaggio pecorino, inoltre andrebbe avviata una azione di valorizzazione del prodotto attraverso una collaborazione con la ristorazione in Italia ed all’estero.

“Queste proposte di intervento – conclude Confagricoltura – vanno discusse al più presto all’interno del Tavolo di Filiera che deve vedere la partecipazione di tutte le componenti al fine di un completo coinvolgimento e di una reale condivisione delle strategie sugli obiettivi e sugli strumenti da adottare per una nuova politica a favore del comparto”.

Confagricoltura Viterbo-Rieti

- Advertisement -

Altre notizie

Mercatino dell’antico, domenica in Piazza dei Caduti e in via Ascenzi

VITERBO - Domenica 18 ottobre, terza domenica del mese, torna l’appuntamento in centro con il Mercatino dell’antico. A ricordarlo è l’assessore allo...

Tromba d’aria sul litorale

Il maltempo flagella il litorale laziale. Questa notte i Vigili del fuoco della caserma Bonifazi sono stati impegnati, a causa delle forti...

Fugge dopo un sinistro, rintracciata e denunciata dai carabinieri

CASTEL DEL PIANO - I carabinieri di Castel del Piano hanno denunciato alla Procura di Grosseto una donna originaria degli Stati Uniti...

I Templari Castell’Araldo e il fiume Marta, il 16 ottobre un convegno a tema

MARTA - Nella sala consigliare del Comune di Marta, generosamente offerta dall’amministrazione comunale, venerdì 16 ottobre dalle ore 15.30 si terrà il...

Screening all’istituto Alberghiero di Viterbo

VITERBO - È iniziato ieri mattina lo screening, promosso da Regione Lazio e gestito dall'equipe medica della ASL di Viterbo, presso il...

L’assessore Notazio: “Le bellezze del nostro territorio alla fiera internazionale del Turismo di Rimini”

MONTEFIASCONE - Il Comune di Montefiascone protagonista alla Fiera del Turismo di Rimini. L’assessore al turismo Fabio Notazio, dopo le nuove iniziative...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.