Le creature marine del Mediterraneo

0

MONTALTO DI CASTRO – Il mediterraneo possiede una caratteristica biologica che non ha eguali in tutto il mondo. Avendo una conformazione a sacco, la flora marina non è disturbata né dalle correnti oceaniche né da forti mareggiate e un fondale di modeste profondità che facilita l’esposizione dei raggi solari, ne consegue un mare ricco di plancton ideale a favorire una biodiversità, ecco perché la maggior parte del mediterraneo è ritenuta area marina protetta.

Durante un’immersione un subacqueo può avere la fortuna di imbattersi in una colonia di Sciaene Umbre, comunemente chiamate Corvine, pesci d’acqua salata appartenenti alla famiglia delle Sciaenidae, che solitamente abitano fondali rocciosi, da pochi metri di profondità fino a 30 e talvolta si spingono fino a 180 metri. Si incontrano spesso anche le Cernie della famiglia delle Serranidae, ad una profondità variabile tra i 10 e i 50 metri, spesso vicino a fondali rocciosi e ricchi di grotte e fenditure.

Nei libri di storia in cui si parla dell’antica Roma si racconta di feroci animali marini, dalle carni però prelibate, che venivano catturati e mantenuti in vasche di pietra, dove erano alimentati con carne umana, le Murene.

Tutti i subacquei, chi più, chi meno, hanno avuto la fortuna di incontrarle, sia nel mar Mediterraneo (Muraena Helena) sia nei mari tropicali. Si muovono in acqua velocemente, con un andamento elegante e sinuoso strisciando solitamente fra gli scogli o i blocchi di corallo ma a volte, quando sono proprio spaventate, anche correndo a mezz’acqua.

Malgrado siano implacabili predatori per altri pesci, capita anche di vedere una Murena dividere la sua tana con un Conger conger, conosciuto comunemente come Grongo, un pesce osseo di mare appartenente alla famiglia Congridae.

Il mar Mediterraneo con la sua abbondante vegetazione, fornisce l’habitat ideale per un’altra creatura marina, un mollusco gasteropode, schivo e affascinante, visibile soprattutto di notte, la Lepre di mare.

Solitamente di colore nero, vive attaccata tra le rocce dove bruca il fondale appallottolandosi per non farsi predare. Quando il cibo finisce la Lepre di mare si sposta, muovendo due pinnette che agitandosi, creano uno spettacolo delizioso agli occhi di un subacqueo. La Lepre di mare infatti sembra volare nel blu!

Subacquei Montalto

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here