Lotta all’abusivismo, Confguide Lazio Nord e Aigae lanciano l’appello ai sindaci

VITERBO – La stagione turistica è ormai iniziata e fortunatamente cresce la domanda per servizi di visite guidate ed escursioni in natura su tutto il territorio. Purtroppo, però, accanto all’offerta dei professionisti del settore, s’incrementa di pari passo anche il fenomeno dell’abusivismo e casi di lavoro nero spesso mascherato da volontariato, che mettono a rischio non solo la sopravvivenza della categoria delle guide, ma anche la credibilità e l’immagine di un intero territorio.

È per questo motivo che, in rappresentanza delle guide turistiche e delle guide ambientali escursionistiche della provincia di Viterbo, Confguide Lazio Nord e Aigae Lazio nei giorni scorsi hanno inviato ai sindaci e agli assessori al Turismo dei Comuni della Tuscia la richiesta di intensificare i controlli su chi esercita attività di accompagnamento e guida, sia nei principali siti e monumenti di interesse della nostra provincia, sia in ambiente naturalistico.

Si è evidenziata la necessità di controlli mirati e a tappeto soprattutto nei principali siti a maggiore affluenza turistica della Provincia, quali Bagnoregio, Viterbo, Tarquinia, Caprarola, Bomarzo, Bolsena e Tuscania.

Ricordiamo che per essere guida turistica è necessario aver conseguito l’abilitazione professionale tramite un esame specifico e che ogni guida ha l’obbligo di esporre il patentino che certifica tale abilitazione alla professione. Chi non ne è in possesso è soggetto a sanzioni.

Allo stesso modo, benché l’accesso alla professione di guida ambientale escursionistica non sia soggetto a specifica abilitazione, riteniamo opportuno sensibilizzare il pubblico e le Amministrazioni Comunali sull’importanza di rivolgersi a professionisti adeguatamente preparati dal punto di vista della sicurezza e del primo soccorso, quali sono gli iscritti ad Aigae, per tutelare l’incolumità degli utenti che partecipano ad escursioni in ambienti naturalistici. Non meno importante, inoltre, è la verifica da parte della autorità competenti che queste attività siano svolte in regola dal punto di vista fiscale e assicurativo.

Confidiamo nella collaborazione di ogni amministrazione comunale e nella volontà di rendere la Tuscia una meta accogliente, affinché il turismo possa diventare uno dei principali volani di crescita economica per tutto il territorio.

Confguide Lazio Nord

AIGAE Lazio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.