M5S Lazio: “La Regione commissariata nella gestione dei rifiuti”

ROMA – “Una sconfitta per le istituzioni e la politica che ancora una volta abdicano alla propria funzione di gestione e governo del territorio”. Così in una nota i consiglieri regionali M5S del Lazio commentano l’ordinanza del Tar con cui la Regione Lazio viene commissariata nella gestione dei rifiuti.

“Un atto che, dopo anni di emergenze rifiuti, roghi tossici e assenza di regole e pianificazione – aggiungono dal M5S – formalizza l’incapacità cronica della Giunta di assumersi il coraggio e la responsabilità di dare risposte concrete ai cittadini. Paradossalmente, infatti, dopo circa sette anni d’attesa, proprio quando la Regione Lazio era riuscita, solo pochi mesi fa, ad approvare finalmente il nuovo piano regionale dei rifiuti, arriva ora l’atto di commissariamento per non essersi assunta la responsabilità di individuare una ‘rete integrata e adeguata’ di impianti di smaltimento rifiuti in ambito regionale.

Uno schiaffo a tutti quei cittadini – continuano i 5stelle – a cui ancora oggi viene negato un servizio dignitoso in termini di gestione dei rifiuti e a tutti quei territori e quelle comunità locali che per anni hanno subito, e continuano a subire, l’impatto di discariche o di impianti sganciati da una seria politica di pianificazione e gestione dei rifiuti e da un quadro privo di soluzioni e regole certe”.

“Ieri la sentenza della Corte costituzionale che ha annullato il Piano territoriale paesistico regionale (Ptpr) del Lazio lasciando così i territori privi di una visione migliorativa e producendo una serie di cortocircuiti a livello normativo, come nel caso di autorizzazioni di interventi edilizi concesse sulla base del provvedimento poi annullato, oggi invece l’ordinanza del Tar che, commissariando la Regione, depenna la titolarità stessa di quest’ultima a esprimersi sulla gestione dei propri rifiuti.

Un autogol clamoroso da parte della Giunta Zingaretti – concludono i 5stelle – su due asset fondamentali del governo regionale che meriterebbe l’apertura di una seria riflessione al proprio interno, a cominciare dall’assessorato regionale ai rifiuti, che fa capo a Valeriani”.

Ultime

Luca Mocchegiani Carpano apre il ciclo di incontri “Tra terra e mare”

 Le strutture portuali di epoca romana di Testaccio, dal...

Donna rischia di annegare a Spinicci. Salvata dall’Ispettore di Polizia Locale Paolo Monti

Nel tardo pomeriggio del 29 giugno, sul litorale tarquiniese,...

A Vulci ripartono le campagne di scavo

Su concessione del Ministero della Cultura, al parco archeologico...

Presentati i risultati degli scavi a Falerii Novi

Il 24 giugno scorso si è conclusa felicemente la...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.