15.4 C
Viterbo
domenica 16 Maggio 2021

Maltempo: Tarquinia conta i danni, superano i 250mila euro

TARQUINIA – Verifiche su verifiche per quantificare i danni causati dalla recente ondata di maltempo. Mano al pallottoliere e il Comune di Tarquinia fa una stima: 250mila euro il valore al momento quantificato alle strutture pubbliche, probabilmente destinato a salire. “Con gli uffici preposti stiamo verificando tutte le segnalazioni ricevute – ha detto il sindaco Mauro Mazzola – lavorando interrottamente per quantificare con esattezza i danni subiti. Il forte vento ha provocato lo scoperchiamento di tetti e la distruzione di fabbricati. Inoltre ha causato la caduta di tantissimi alberi, provocando grandi disagi alla viabilità risolti grazie all’eccellente lavoro della Protezione civile e della Polizia locale. Senza il loro aiuto la stima dei danni sarebbe ulteriormente salita. In queste ore stiamo inoltre effettuando una serie di sopralluoghi presso il cimitero San Lorenzo, dove il vento ha abbattuto numerosi cipressi”.

Anche nella giornata di ieri (10 marzo), Polizia locale e Protezione civile hanno rimosso molti alberi caduti sulle strade e nelle zone colpite dalla tempesta. Il cimitero comunale è stato uno dei luoghi più colpiti: alcuni cipressi caduti hanno causato la distruzione delle tombe e il personale addetto sta ripristinando le aree interessate. Danni ingenti anche al settore agricolo come quelli avvenuti a Montalto di Castro e Pescia Romana dove si contano almeno 350 serre distrutte dalla furia del vento. “In un attimo il forte vento le ha fatte su come un calzino – ha detto un agricoltore -. Mai vista una cosa del genere”. Anche il Comune di Montalto si è attivato per bonificare le zone colpite dal maltempo e venerdì ha chiesto alla Regione lo stato di calamità naturale. L’ufficio tecnico sta rendendo disponibile alla cittadinanza un modulo per consentire all’utenza di segnalare i danni subiti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altre notizie