14.3 C
Lazio

HOME

Rotelli-Giampieri (Fdi): “Auguri a Camilli, nominato presidente della Commissione Trasporti in consiglio provinciale”

Il vice sindaco di Soriano Roberto Camilli, di Fratelli d’Italia, appena entrato in consiglio provinciale a Viterbo, è stato nominato presidente dell’importante...

Scomparsa Mario Cipolloni, il cordoglio del sindaco Arena

VITERBO - "Se ne è andato un bravo giornalista. Mario Cipolloni era un giornalista vecchio stampo che ho avuto modo di apprezzare...

Pusher arrestato dalla Mobile, eroina e cocaina in casa

VITERBO - La Squadra Mobile ha arresto in flagranza per detenzione di stupefacenti a fini di spaccio di un cittadino albanese di...

Mazzola: «Occorre un nuovo ospedale tra Tarquinia e Civitavecchia»

TARQUINIA – Mazzola rilancia il progetto dell’ospedale circa il trasferimento del reparto di ostetricia a Civitavecchia e rispedisce al mittente le critiche del Movimento 5 Stelle e di Forza Italia. «Occorre un nuovo presidio tra Tarquinia e Civitavecchia che risponda alle esigenze del territorio – afferma Mazzola – e che sia in grado di frenare la mobilità passiva e di attrarre l’utenza di regioni la Toscana e l’Umbria».

«I recenti fatti di cronaca non hanno insegnato niente a questi signori. – prosegue il primo cittadino – Oggi più che mai è indispensabile garantire la sicurezza delle partorienti e dei neonati. Il problema non è quale comune sia riportato sul certificato di nascita. Da mesi ripeto che a e qualcuno fa finta di non capire, come i grillini o i rappresentanti di Forza Italia. Questi ultimi si sono già dimenticati quando l’ex governatore Renata Polverini girava per la provincia di Viterbo per chiudere gli ospedali, tra cui quello di Tarquinia. Questa amministrazione ha combattuto e vinto la battaglia per mantenere aperto il presidio».

Mauro Mazzola
Mauro Mazzola

Sull’accordo raggiunto tra le Ausl il sindaco Mazzola spiega: «A Tarquinia ci sarà una “casa del parto”. Civitavecchia è vero che conta meno parti rispetto alla nostra città, ma ha a suo favore la rianimazione e la pediatria. Dobbiamo quindi iniziare a ragionare con più larghe vedute e a intraprendere un’azione sinergica tra i due comuni, altrimenti entrambi gli ospedali si rischia di farli chiudere».

Infine una considerazione: «Questa amministrazione ha fatto il possibile per evitare di chiudere ginecologia di Tarquinia, con donazioni di macchinari all’avanguardia, come la vasca per il parto, mai entrata in funzione se non i casi rarissimi. Se non serviva e si voleva altro sarebbe stato sufficiente parlare. Inutile però piangere sul latte versato».

- Advertisement -

Altre notizie

Mercatino dell’antico, domenica in Piazza dei Caduti e in via Ascenzi

VITERBO - Domenica 18 ottobre, terza domenica del mese, torna l’appuntamento in centro con il Mercatino dell’antico. A ricordarlo è l’assessore allo...

Tromba d’aria sul litorale

Il maltempo flagella il litorale laziale. Questa notte i Vigili del fuoco della caserma Bonifazi sono stati impegnati, a causa delle forti...

Fugge dopo un sinistro, rintracciata e denunciata dai carabinieri

CASTEL DEL PIANO - I carabinieri di Castel del Piano hanno denunciato alla Procura di Grosseto una donna originaria degli Stati Uniti...

I Templari Castell’Araldo e il fiume Marta, il 16 ottobre un convegno a tema

MARTA - Nella sala consigliare del Comune di Marta, generosamente offerta dall’amministrazione comunale, venerdì 16 ottobre dalle ore 15.30 si terrà il...

Screening all’istituto Alberghiero di Viterbo

VITERBO - È iniziato ieri mattina lo screening, promosso da Regione Lazio e gestito dall'equipe medica della ASL di Viterbo, presso il...

L’assessore Notazio: “Le bellezze del nostro territorio alla fiera internazionale del Turismo di Rimini”

MONTEFIASCONE - Il Comune di Montefiascone protagonista alla Fiera del Turismo di Rimini. L’assessore al turismo Fabio Notazio, dopo le nuove iniziative...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.