I misteri di Mithra e altri culti mistici nel mondo romano

0

MONTALTO DI CASTRO – La Soprintendenza Archeologia del Lazio e dell’Etruria Meridionale, in collaborazione con l’Università di Verona, la Péter Pázmány Catholic University di Budapest e la Brandeis University di Waltham – MA, organizza il convegno internazionale “The Mysteries of Mithras and other Mystic Cults in the Roman World- I Misteri di Mitra e altri culti mistici nel mondo romano” che si terrà a Tarquinia, Vulci e Marino dal 16 al 19 giugno.

Il convegno sarà un importante momento di confronto sul culto di Mitra e degli altri culti mistici nel mondo romano all’interno della dialettica fra la religione romana tradizionale e i culti stranieri, specialmente quelli di origine orientale.

Mitra, Cibele, Iside, Serapide. Noti anche come “orientali” o “misterici”, questi culti “stranieri”, secondo un concetto proprio dei Romani, ebbero una grande diffusione all’interno della loro società. Come fossero organizzati o in che modo e perché avessero attecchito così profondamente nel mondo romano è oggetto delle numerose ricerche in corso.

Scavi archeologici e studi dei decenni passati hanno chiarito il ruolo della presenza di Greci e Cartaginesi lungo le coste laziali nello sviluppo di fenomeni di recezione di elementi esterni e trasformazione dei pantheon delle città etrusche e laziali; ne sono testimonianza il culto di Adone a Gravisca o gli iniziati ai culti dionisiaci a Tarquinia.

Ma è l’epoca imperiale ad avere riservato le maggiori sorprese. Due splendidi monumenti del culto di Mitra sono venuti recentemente alla luce a Veio l’uno e a Tarquinia l’altro; mentre ben noti in letteratura sono il Mitreo di Vulci e quello di Marino.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.