11.9 C
Lazio

Negozi di frutta e verdura gestiti da stranieri, pioggia di denunce e sanzioni nella Tuscia

VITERBO – Un’attività commerciale chiusa, tre persone denunciate, ed elevate multe per oltre 35mila euro nell’operazione dei carabinieri del nucleo ispettorato del lavoro di Viterbo, avvenuta negli esercizi commerciali di frutta e verdura gestiti da stranieri. I militari, unitamente ai colleghi delle stazioni di Tuscania, Vignanello e Vallerano e il personale della direzione territoriale del lavoro di Viterbo, hanno riscontrato che il titolare di una rivendita a Tuscania (un egiziano di 22 anni) non aveva ottemperato al provvedimento di sospensione dell’attività commerciale emesso il 14 marzo e per aver impiegato un lavoratore in nero. Nella circostanza, oltre a denunciare il titolare in stato di libertà, i carabinieri hanno elevato una contravvenzione per un totale di 9mila euro mettendo i sigilli all’attività commerciale.

A Vignanello una cittadina albanese di 30 anni, titolare di un esercizio commerciale, occupava nel punto vendita di frutta e verdura due cittadini egiziani in nero, di cui un minorenne, sprovvisti di permesso di soggiorno. Anche in questo caso i carabinieri hanno denunciato il titolare elevando una contravvenzione di circa 18mila euro.

A Vallerano è stato invece denunciato un cittadino egiziano di 33 anni in quanto impiegava nella propria azienda un suo connazionale in nero. Anche in questo caso è stata elevata un’ammenda di 9mila euro.

Oltre alle contravvenzioni elevate nei tre casi saranno recuperati a cura della direzione provinciale del lavoro contributi non versati per circa 5mila euro.

LEGGI ANCHE  Pusher arrestato a Viterbo, trovata eroina e hashish in casa
- Advertisement -

Altre notizie

LEGGI ANCHE  Musica ad alto volume in auto durante il coprifuoco, quattro persone denunciate