“Io non rischio”: in piazza anche i volontari dell’Aeopc

aeopc_corchianoCORCHIANO – Il 15 ed il 16 ottobre tutti in piazza, i volontari della Aeopc Protezione Civile di Corchiano vi aspettano in occasione della sesta edizione di “Io non rischio”, campagna nazionale per la sensibilizzazione della popolazione sul rischio sismico. L’iniziativa, nata nel 2011, è promossa dal Dipartimento della Protezione Civile con Anpas (Associazione nazionale pubbliche assistenze, Ingv (Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia) e Reluis (Rete dei laboratori universitari di ingegneria sismica), con il coinvolgimento di Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale), Ogs (Istituto nazionale di oceanografia e di geofisica sperimentale), AiPo (Agenzia interregionale per il fiume Po), Arpa Emilia-Romagna, Autorità di Bacino del fiume Arno, CamiLab-Università della Calabria, per l’ informazione sul rischio alluvione e maremoto.

Dunque un intero fine settimana dedicato completamente alla comunicazione dei rischi naturali che possono abbattersi sul nostro territorio nazionale, durante il quale i volontari della protezione civile spiegheranno alla cittadinanza cosa fare prima, durante e dopo un evento sismico, un’alluvione o un maremoto, fornendo materiale informativo e tutte le indicazioni possibili. I volontari della Protezione civile di Corchiano, in queste due giornate, si faranno portatori delle buone pratiche di prevenzione attraverso la loro postazione fissa in Piazza del Bersagliere dove chiunque può chiedere informazioni.

Già da qualche giorno, hanno iniziato il loro percorso di formazione presso la sede della Protezione Civile della Regione Lazio, dove esperti del settore li stanno istruendo al meglio. L’Aeopc di Corchiano è stata selezionata insieme ai gruppi locali di protezione civile di Soriano al Cimino e Civita Castellana, per informare la popolazione della Tuscia sui rischi naturali e sui comportamenti da adottare a seguito del loro manifestarsi. Quindi è sicuramente un appuntamento da non perdere, un’occasione per per acquisire maggiore consapevolezza su questo argomento. Sapere come comportarsi in situazioni di rischio è fondamentale per salvare la propria vita e quella degli altri, ma ancor più importante è un’ottima campagna di prevenzione sui rischi naturali per evitare il più possibile le conseguenze disastrose che nell’ultimo mese abbiamo visto a seguito del terribile terremoto che ha interessato l’Italia centrale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.