Pneumatici invernali e catene da neve, i consigli della Polizia stradale

MONTALTO DI CASTRO – La stagione invernale si sta avvicinando e bisogna prepararsi ad affrontarla al meglio anche dal punto di vista “automobilistico”.

Ecco i consigli della Polizia Stradale di Viterbo. In Italia, nelle strade interessate, che vengono indicate da appositi cartelli posizionati dagli enti proprietari quali Anas, Regione, Provincia, Comune, dal 15 novembre al 15 aprile, le auto dovranno circolare con gomme da neve o con catene a bordo, mentre i ciclomotori solo in assenza di neve o ghiaccio.

Ma cosa si intende esattamente con la denominazione “pneumatici invernali” o gomme termiche? Si tratta di gomme specifiche che, con temperature inferiori ai 7 gradi, garantiscono alla vettura un livello superiore di aderenza con il terreno, non solo in presenza di neve e ghiaccio. Questo significa, pertanto, maggiore sicurezza.

Il simbolo per identificare uno pneumatico invernale è un fiocco di neve (snowflake) che si trova sul fianco destro della ruota e la scritta M+S (o MS, M/S, M-S, M&S). Per essere definito invernale, ogni pneumatico deve necessariamente avere questa scritta. Gli pneumatici M+S senza snowflake sono invece considerati all seasons, ovvero gomme per tutte le stagioni, che generalmente sono montate sui crossover e i Suv.

Attenzione, però, le gomme all seasons e le gomme da neve non sono la stessa cosa: l’aderenza al terreno in caso di freddo è maggiormente garantita dalle gomme da neve. Un semplice esempio può servire per comprendere l’importanza di dotare la propria auto di pneumatici invernali: considerando una velocità media di 90km/h, su fondo bagnato gli spazi di frenata con le gomme invernali si riducono del 30%, mentre su fondo innevato del 50%. A differenza delle gomme invernali, invece, le catene sono un dispositivo di emergenza, possono essere montate solo quando l’asfalto è innevato e impongono una velocità media non superiore ai 50km/h.