9.5 C
Lazio

Rifiuti radioattivi, interviene il direttore del deposito nazionale (Sogin)

In una intervista di Andrea Moccia, geologo e divulgatore scientifico, proprietario della pagina Facebook Geopop con più di 500mila followers, il direttore Fabio Chiaravalli del deposito nazionale di rifiuti radioattivi della Sogin spiega alcuni aspetti del progetto e i vari step che porteranno poi alla realizzazione della struttura.

Partiamo subito da un concetto: l’Italia ha la necessità di avere un deposito nazionale poiché i rifiuti radioattivi che produce dalle attività di diagnostica e terapia medica, di ricerca scientifica, di industria agroalimentare e dai controlli di produzione industriale sono oggi stoccati in depositi temporanei. Un argomento di cui si è ampliamente discusso negli anni passati. Ce lo chiede l’Unione Europea (articolo 4 della Direttiva 2011/70) la quale prevede che la sistemazione definitiva dei rifiuti radioattivi avvenga nello Stato membro in cui sono stati generati. La maggior parte dei Paesi europei si è dotata o si sta dotando di depositi per mettere in sicurezza i propri rifiuti a bassa e media attività. Anche l’Italia, dopo i numerosi ritardi nel recepimento della direttiva in materia, deve necessariamente adeguarsi.

LEGGI ANCHE  Donne vittime di violenza, in un anno 250 casi nella provincia di VIterbo

Nell’intervista di Geopop il direttore Chiaravalli fornisce maggiori informazioni a partire dalla redazione della proposta di Carta nazionale delle aree potenzialmente idonee (Cnapi) alla progettazione per lo stoccaggio dei rifiuti.

Tra i vari punti analizzati, Chiaravalli precisa la volontà di individuare un solo sito tra le 67 aree potenzialmente idonee e che il deposito nazionale non è un impianto in cui c’è un processo produttivo né tantomeno è una discarica.

Il progetto dovrebbe prevedere due tipologie di risorse: quella di cantiere con 2mila unità all’anno per quattro anni e quella a regime di 700 unità con un valore di investimento pari a 1,5 miliardi di euro e per il territorio uno sviluppo economico indotto superiore all’investimento.

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altre notizie