Rotelli (FdI): “Approfittare della siccità per intervenire sui letti e sugli argini dei fiumi”

La grave situazione climatica che stiamo vivendo in questo periodo sta determinando preoccupanti conseguenze per i territori. In provincia di Viterbo, i due fiumi più importanti, il Marta e il Fiora sono quasi asciutti. È in momenti come questi che ci si interroga su quali interventi possano essere fatti. Applicare pratica e ragione in una simile contingenza significa sfruttare la circostanza che i fiumi sono quasi a secco per fare degli interventi a livello strutturale sui letti e sugli argini ed evitare, come successo in passato, gravi conseguenze come le ultime esondazioni.

In Regione, invece di ragionare su possibili candidature alle prossime elezioni politiche, dovrebbero sfruttare questo momento negativo ed intervenire in maniera positiva per risolvere delle situazioni che si trascinano da anni. L’applicazione pratica di questo principio è stata approvata al Comune di Roma, dove Fratelli d’Italia ha sottolineato come l’attuale condizione possa trasformarsi in “un’opportunità da cogliere per il rilancio e la valorizzazione del Tevere”. Una proposta definita “resiliente” che punta ad una grande azione di bonifica e di dragaggio del fiume: un’operazione che in condizioni normali avrebbe insormontabili difficoltà tecniche.
Aspettiamo segnali anche per la Tuscia.

Mauro Rotelli deputato Fratelli d’Italia

Ultime

Controlli di ferragosto, denunciate cinque persone

I carabinieri della Compagnia di Civitavecchia e dei Comandi...

Palio delle contrade di Allumiere, l’edizione della rinascita

Dopo due anni di stop a causa della pandemia,...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.