16.9 C
Lazio

HOME

In macchina con un piede di porco, denunciato

SCANSANO - I carabinieri della stazione di Scansano nei giorni scorsi hanno denunciato in stato di libertà un 29enne originario del Marocco,...

Tentano di raggirare un imprenditore, truffatori identificati e denunciati

TUSCANIA - In trasferta da Roma per tentare una truffa ai danni di un imprenditore ma sono stati identificati e denunciati dai...

Incidente sulla provinciale Roccaccia, muore una donna

TARQUINIA - Grave incidente stradale questa mattina sulla strada provinciale in località Roccaccia. Una donna di 54 anni, in sella su una...

Sanità, Battistoni: «Il rischio è di vederla scomparire»

Francesco Battistoni
Francesco Battistoni

VITERBO – «Tra proclami e fatti, il risultato per la sanità viterbese è avvolto nell’incertezza più totale». A dichiararlo è il vice coordinatore regionale di Forza Italia, Francesco Battistoni, intervenuto più volte sul tema. «Dopo un atto aziendale accompagnato da mille polemiche e destinato a sfociare nel sottodimensionamento degli organici e nel forte precariato, si è arrivati anche all’annuncio di un programma di cooperazione interregionale tra Viterbo e Terni, ovvero la possibile mobilità dei cittadini verso altre strutture sanitarie fuori regione nonostante la presenza, nel Lazio, di 4 università e 5 policlinici universitari».

«L’operazione, presentataci come “innovazione assistenziale” – dice Battistoni – avrà conseguenze di non poco conto: la progressiva migrazione verso Terni  porterà al progressivo indebolimento e impoverimento della sanità locale. Ciò significherà andare anche a rivedere il contingente dei precari in sanità, venendo meno le necessità di personale determinato dalla nuova organizzazione».

«Nonostante la vicinanza di Terni – prosegue Battistoni – non sarebbe, forse, stato più opportuno, vista la riapertura dell’ospedale di Acquapendente, potenziare la rete di trasporto ed evitare soluzioni come quella presentata?». E ancora. «Perché si è scelto Terni e non Siena? Quale sarà il comportamento dei vertici aziendali e politici se e quando, per gli stessi motivi, si prenderà in esame la possibilità di autorizzare la migrazione verso Roma dei pazienti di Civita Castellana vista la vicinanza logistica? E soprattutto, cosa resterà della realtà sanitaria viterbese? Mi auguro – conclude Battistoni – che tali scelte siano dettate da motivazioni forti e obiettive, sicuramente più convincenti rispetto ad una banale e semplicistica lettura dei fatti, legata alla provenienza del Commissario e del direttore amministrativo».

- Advertisement -

Altre notizie

In macchina con un piede di porco, denunciato

SCANSANO - I carabinieri della stazione di Scansano nei giorni scorsi hanno denunciato in stato di libertà un 29enne originario del Marocco,...

Mercatino dell’antico, domenica in Piazza dei Caduti e in via Ascenzi

VITERBO - Domenica 18 ottobre, terza domenica del mese, torna l’appuntamento in centro con il Mercatino dell’antico. A ricordarlo è l’assessore allo...

Tromba d’aria sul litorale

Il maltempo flagella il litorale laziale. Questa notte i Vigili del fuoco della caserma Bonifazi sono stati impegnati, a causa delle forti...

Fugge dopo un sinistro, rintracciata e denunciata dai carabinieri

CASTEL DEL PIANO - I carabinieri di Castel del Piano hanno denunciato alla Procura di Grosseto una donna originaria degli Stati Uniti...

I Templari Castell’Araldo e il fiume Marta, il 16 ottobre un convegno a tema

MARTA - Nella sala consigliare del Comune di Marta, generosamente offerta dall’amministrazione comunale, venerdì 16 ottobre dalle ore 15.30 si terrà il...

Screening all’istituto Alberghiero di Viterbo

VITERBO - È iniziato ieri mattina lo screening, promosso da Regione Lazio e gestito dall'equipe medica della ASL di Viterbo, presso il...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.