21.9 C
Lazio

HOME

In fiamme un appartamento, muore 28enne

VEJANO - Tragedia questa mattina nella cittadina della Tuscia. Un incendio è divampato in un appartamento al terzo piano di Via Umberto...

Covid: altra ondata di contagi nella Tuscia

Gli ultimi referti di positività sono collegati a tamponi eseguiti su cittadini residenti o domiciliati nei seguenti comuni: 40 a Viterbo, 5 a Capodimonte, 5 a Tuscania, 5 a Montefiascone, 4 a Castel Sant’Elia, 3 a Civita Castellana, 3 a Vetralla, 3 a Vejano, 2 a Vitorchiano, 2 a Valentano, 2 a Soriano nel Cimino, 2 a Canepina, 2 a Vasanello, 2 a Corchiano, 2 a Marta, 2 a Bassano Romano, 1 a Oriolo Romano, 1 a Caprarola, 1 a Capranica, 1 ad Arlena di Castro, 1 a Tarquinia, 1 a Blera, 1 a Bolsena, 1 a Carbognano, 1 a Fabrica di Roma, 1 a Grotte di Castro, 1 a Montalto di Castro, 1 a Nepi, 1 a Piansano, 1 a Ronciglione, 1 a San Lorenzo Nuovo

Covid: altri 69 casi nella Tuscia, tre pazienti deceduti

Venti nuovi pazienti negativizzati. In totale salgono a 609 i guariti nella provincia di Viterbo

Sat: chiusura tracciato, Marco Tosoni «Mazzola dimettiti»

TARQUINIA – Riceviamo e pubblichiamo – La strada Melledra Farnesiana è stata chiusa definitivamente dalla Sat grazie all’aiuto della polizia, dunque non con la ragione ma con la forza. Senza ordinanze comunali, senza nessuna comunicazione preventiva del sindaco, ma solo con un comunicato stampa della Sat che chiude la strada senza rispondere alle sue responsabilità!

Le istituzioni locali hanno lasciato alla Sat il potere su tutto il territorio, il potere di comunicare con i cittadini attraverso i giornali telematici, il potere di gestire le emergenze del traffico, potremmo dire che il vero sindaco di Tarquinia sia il presidente della Sat.

Come è potuto accadere? Semplicemente perché il sindaco lo ha permesso, grazie alla sua latitanza, alla sua ormai dichiarata non volontà di imporsi sulla Sat per far rispettare le esigenze del territorio. Il sindaco aveva dichiarato che i cittadini sarebbero stati avvisati con una lettera, una bugia. Doveva essere infatti il sindaco ad avvisare i residenti della chiusura e del tracciato alternativo, invece ha preferito dileguarsi nel nulla, evitando, le responsabilità.

Niente manifesti niente riunione con la popolazione, forse per la stessa paura di non saper che dire, sul ponte sostitutivo sul fiume Mignone e sulla viabilità che manca. Oppure per non ammettere che quello che hanno sempre raccontato i professionisti delle manifestazioni, come li chiama il sindaco, era la pura verità! Che avrebbero chiuso senza preavviso, che il percorso alternativo sarebbe stato il giro di Peppe e che il ponte non c’era.

Il comune di Tarquinia non esiste alla Farnesiana, infatti per dirigere il traffico al posto dei vigili urbani, sul giro di Peppe abbiamo gli addetti della Sat, addestrati come dice il comunicato, male visto che non riescono a gestire il budello di strada stretta e pericolosa.

Sul giro di Peppe vi sono addetti della Sat di giorno ma fino alle ore 19, poi non c’è più nessuno a garantire la sicurezza stradale, senza insegne chiare per chi non conosce la zona. Il web è ormai pieno di video del giro di Peppe, dove l’inadeguatezza della strada è evidente.

Quella viabilità vergognosa del giro di Peppe, dichiarata inadeguata dalla polizia stradale, il sindaco ha lasciato che diventasse l’unica via d’uscita di tutto il flusso di traffico che entra ed esce dalla Farnesiana, Pian Boaro, Pian degli Organi, una strada che dovrà ospitare i mezzi agricoli, i mezzi pesanti e gli auto autoarticolati in appena 3 metri.

Dall’ultima figuraccia, il sindaco non ha avuto il coraggio di venire alla Farnesiana per affrontare i problemi di viabilità con i residenti, ha preferito lasciare il paese nelle mani di Sat che ne esercita da tre anni una vera e propria occupazione.

Mauro Mazzola deve rassegnare subito le dimissioni, per l’evidente inadeguatezza dimostrata negli anni nel difendere i diritti dei cittadini e la loro economia messa a rischio da scelte sbagliate.

Mazzola dimettiti e rimetti di nuovo il potere in mano ad un sindaco che abbia la volontà di fermare l’ingiustizia chi sta minacciando e distruggendo Tarquinia.

Quello che è successo mercoledì notte, quando alle 24,10 la Sat voleva iniziare i lavori di chiusura e quello che è successo giovedì mattina con lo sgombero da parte della polizia è la cosa più grave che potesse accadere ai residenti della Farnesiana, ignorati dal sindaco e dalle istituzioni tutte!

Marco Tosoni

- Advertisement -

Altre notizie

Mercatino dell’antico, domenica in Piazza dei Caduti e in via Ascenzi

VITERBO - Domenica 18 ottobre, terza domenica del mese, torna l’appuntamento in centro con il Mercatino dell’antico. A ricordarlo è l’assessore allo...

Tromba d’aria sul litorale

Il maltempo flagella il litorale laziale. Questa notte i Vigili del fuoco della caserma Bonifazi sono stati impegnati, a causa delle forti...

Fugge dopo un sinistro, rintracciata e denunciata dai carabinieri

CASTEL DEL PIANO - I carabinieri di Castel del Piano hanno denunciato alla Procura di Grosseto una donna originaria degli Stati Uniti...

I Templari Castell’Araldo e il fiume Marta, il 16 ottobre un convegno a tema

MARTA - Nella sala consigliare del Comune di Marta, generosamente offerta dall’amministrazione comunale, venerdì 16 ottobre dalle ore 15.30 si terrà il...

Screening all’istituto Alberghiero di Viterbo

VITERBO - È iniziato ieri mattina lo screening, promosso da Regione Lazio e gestito dall'equipe medica della ASL di Viterbo, presso il...

L’assessore Notazio: “Le bellezze del nostro territorio alla fiera internazionale del Turismo di Rimini”

MONTEFIASCONE - Il Comune di Montefiascone protagonista alla Fiera del Turismo di Rimini. L’assessore al turismo Fabio Notazio, dopo le nuove iniziative...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.