Sciame sismico, il sindaco di Acquapendente: “Sul geotermico le istituzioni rivedano i percorsi autorizzativi”

“Lo sciame sismico che sta incidendo sul nostro territorio in queste ultime settimane va tenuto sotto stretta osservazione. I nostri cittadini sono preoccupati per via dei numerosi progetti di geotermia che stanno nascendo nella nostra area geografica e soprattutto per la centrale geotermica che il Governo ha autorizzato lo scorso luglio sul Comune di Castel Giorgio”.

Lo dichiara il sindaco di Acquapendente Angelo Ghinassi, a seguito delle numerose scosse di terremoto avvenute in questi giorni sul territorio e che hanno raggiunto i 2.5 di magnitudo.

“Abbiamo la necessità che le istituzioni rivedano i percorsi autorizzativi – aggiunge il sindaco – tornino a valutare l’incidenza sismica di questa nostra terra, ascoltino le istanze che questo territorio ha da dire. Ricordo che la Regione Lazio ha espresso parere contrario al progetto di Castel Giorgio, con motivazioni serie e dettagliate senza essere presa in considerazione.

Il rischio è che l’eventuale inizio delle perforazioni – continua Ghinassi – possa aggravare la situazione sismica che sta diventando, purtroppo, un punto fermo. Anche sul nostro Comune incide un progetto che sta all’interno un iter autorizzativo molto avanzato. Abbiamo paura, siamo preoccupati. La nostra città ha bisogno di ben altro rispetto ad una ipotetica trivellazione quotidiana”.

Ultime

Luca Mocchegiani Carpano apre il ciclo di incontri “Tra terra e mare”

 Le strutture portuali di epoca romana di Testaccio, dal...

Donna rischia di annegare a Spinicci. Salvata dall’Ispettore di Polizia Locale Paolo Monti

Nel tardo pomeriggio del 29 giugno, sul litorale tarquiniese,...

A Vulci ripartono le campagne di scavo

Su concessione del Ministero della Cultura, al parco archeologico...

Presentati i risultati degli scavi a Falerii Novi

Il 24 giugno scorso si è conclusa felicemente la...