Scoperta a Vulci tomba del VI secolo a.C.

I lavori di scavo alla necropoli dell’Osteria regalano tesori etruschi inviolati

MONTALTO DI CASTRO – Un corredo ancora intatto in una tomba maschile inviolata è stato scoperto alla necropoli dell’Osteria nel parco naturalistico e archeologico di Vulci.

La sepoltura, risalente alla fine del VI secolo a.C., è venuta alla luce a seguito degli scavi che il personale di Fondazione Vulci sta effettuando nell’area dove nel 2013 vennero rinvenute le celebri Mani d’argento.

Gli archeologi si sono trovati di fronte a oggetti appartenenti al defunto: una lancia e un coltello in ferro, delle coppe in bucchero e d’impasto, una brocca in bronzo e un’olla con all’interno un attingitoio oltre a un piccolo peso in piombo. Tutti oggetti di vita quotidiana che hanno accompagnato il defunto nel suo lungo viaggio nell’aldilà.

Il corredo rinvenuto nella tomba del VI secolo a.C.

“Grazie a questi reperti – ha detto il direttore scientifico del parco, Carlo Casi – riusciamo a ricostruire la storia degli etruschi che vivevano in questo luogo. Le operazioni di scavo andranno avanti fino alla fine dell’anno su tutta questa grande area. Questa è la prima delle grandi scoperte che faremo in questo periodo”.

Ultime

Luca Mocchegiani Carpano apre il ciclo di incontri “Tra terra e mare”

 Le strutture portuali di epoca romana di Testaccio, dal...

Donna rischia di annegare a Spinicci. Salvata dall’Ispettore di Polizia Locale Paolo Monti

Nel tardo pomeriggio del 29 giugno, sul litorale tarquiniese,...

A Vulci ripartono le campagne di scavo

Su concessione del Ministero della Cultura, al parco archeologico...

Presentati i risultati degli scavi a Falerii Novi

Il 24 giugno scorso si è conclusa felicemente la...

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.