“Se sei diviso stai già all’inferno”

0

10 giugno 2018
X domenica del Tempo Ordinario – Anno B

Dal Vangelo secondo Marco (Mc 3,20-35)

In quel tempo, Gesù entrò in una casa e di nuovo si radunò una folla, tanto che non potevano neppure mangiare. Allora i suoi, sentito questo, uscirono per andare a prenderlo; dicevano infatti: «È fuori di sé». Gli scribi, che erano scesi da Gerusalemme, dicevano: «Costui è posseduto da Beelzebùl e scaccia i demòni per mezzo del capo dei demòni». Ma egli li chiamò e con parabole diceva loro: «Come può Satana scacciare Satana? Se un regno è diviso in se stesso, quel regno non potrà restare in piedi; se una casa è divisa in se stessa, quella casa non potrà restare in piedi.

Anche Satana, se si ribella contro se stesso ed è diviso, non può restare in piedi, ma è finito. Nessuno può entrare nella casa di un uomo forte e rapire i suoi beni, se prima non lo lega. Soltanto allora potrà saccheggiargli la casa. In verità io vi dico: tutto sarà perdonato ai figli degli uomini, i peccati e anche tutte le bestemmie che diranno; ma chi avrà bestemmiato contro lo Spirito Santo non sarà perdonato in eterno: è reo di colpa eterna». Poiché dicevano: «È posseduto da uno spirito impuro». Giunsero sua madre e i suoi fratelli e, stando fuori, mandarono a chiamarlo. Attorno a lui era seduta una folla, e gli dissero: «Ecco, tua madre, i tuoi fratelli e le tue sorelle stanno fuori e ti cercano».

Ma egli rispose loro: «Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?». Girando lo sguardo su quelli che erano seduti attorno a lui, disse: «Ecco mia madre e i miei fratelli! Perché chi fa la volontà di Dio, costui per me è fratello, sorella e madre».

SE SEI DIVISO STAI GIA’ ALL’INFERNO

Ha ragione Gesù: niente e nessuno se è diviso può restare in piedi. Se hai il cuore diviso tra più amori, non puoi — lo ripetiamo — non puoi né potrai mai sperimentare felicità. Se hai l’amante non potrai mai sperimentare felicità (e vale anche per i preti); se hai delle vite nascoste, parallele, non potrai mai sperimentare felicità. Non è una punizione divina è che siamo fatti così: a Dio è piaciuto creare tutto per l’armonia. Se sei in armonia sperimenti shalòm, che in ebraico significa “pace” ma nel senso di “pienezza di vita”.

Se vai in disarmonia, se ti dividi in più amori, ti si incastrano gli ingranaggi e sperimenti l’inferno (guarda caso “dividere” in greco si dice dià-bàllo) e prendi i calmanti per addobbare l’inferno e far finta di starci bene. Guarda Gesù: niente divisione. Dopo l’incontro intimo col Padre e con lo Spirito nel battesimo al giordano, dopo le tentazioni nel deserto, ha fatto una scelta, consapevole della verità della sua persona: la mia famiglia e la mia missione sono TUTTI.

E avanti così, fino alla Croce. Non ci sono vincoli di sangue che reggono. Tu chi sei? Da dove vieni? Chi è tuo Padre? Cosa desideri profondamente? Se non lo sai, se sei incasinato da matti, se sei incasinato e stai facendo finta di no, fermati davanti a Gesù, lasciati raccontare chi sei e fa qualche benedetta scelta definitiva.

Buona domenica, dPaolo e dRossano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.