Sequestrata cava dai carabinieri forestali

Dagli accertamenti dei carabinieri risulterebbe l'ampliamento dell'attività estrattiva in assenza di titoli abilitativi

ARLENA DI CASTRO – I carabinieri forestali di Tuscania, nell’ambito di controlli mirati alla tutela delle aree sottoposte a vincoli paesaggistici, hanno segnalato all’autorità giudiziaria
l’amministratrice di una società esercente un’attività estrattiva sita nel Comune di
Arlena di Castro in località Banditaccia.

L’ampliamento della cava di materiale vulcanico ha interessato una superficie di circa 10mila metri quadrati e dai primi accertamenti i militari operanti avrebbero riscontrato che i lavori in corso erano stati eseguiti in assenza di titolo abilitativo di competenza regionale.

L’area è stata sequestrata penalmente dai militari intervenuti. Sequestro successivamente convalidato dall’autorità giudiziaria in ragione dei vincoli ambientali presenti. Per le violazioni contestate è previsto la pena dell’arresto fino a due anni e l’ammenda da 15.493 a 51.645 euro.

La stazione carabinieri forestale di Tuscania prosegue l’attività d’indagine al fine di
individuare eventuali ulteriori elementi di responsabilità e di assicurare così la tutela
del territorio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.