Sequestrati 5mila ricci di mare, sanzioni per 8mila euro

0

CIVITAVECCHIA – Gli uomini della Capitaneria di porto di Civitavecchia, coadiuvati dalla locale Polizia Stradale e dal commissariato della Polizia di Stato, ieri notte hanno individuato e fermato due pescatori abusivi di origine pugliese, mettendo a segno un ingente sequestro di ricci di mare.

Durante attività di monitoraggio e contrasto alla pesca abusiva di echinodermi, i militari della Guardia costiera, alle ore 20.30 circa, hanno individuato due sub intenti nella raccolta di ricci di mare lungo il litorale del Comune di Civitavecchia (Marangone), all’altezza dell’uscita autostradale Civitavecchia Sud.

Poco dopo la mezzanotte a seguito di un lungo appostamento, la Guardia costiera e due pattuglie di polizia e quelle della Stradale di Civitavecchia, hanno fermato all’atto dello sbarco i due pescatori non autorizzati, provvedendo al sequestro di circa 5mila ricci di mare, contenuti in cinque ceste, e dell’attrezzatura subacquea utilizzata.

Ai due soggetti sono state contestate due sanzioni amministrative per un totale di 8mila euro relative alla raccolta non autorizzata e una sanzione di 400 euro per l’alterazione dello stato originale dell’autoveicolo utilizzato, con relativo sequestro del libretto di circolazione.

Gli echinodermi, ancora vivi e vitali, sono stati contestualmente rigettati in mare arginando in tal modo ulteriori danni al delicato ecosistema marino della costa interessata.

Solo lo scorso anno la Guardia costiera di Civitavecchia aveva proceduto al sequestro e contestuale rigetto in mare di più di 50mila echinodermi portando a segno un duro colpo all’esercizio abusivo di tale tipologia di pesca.

L’intensa attività di vigilanza della Guardia costiera si pone l’obiettivo di contrastare il fenomeno, nell’intento di salvaguardare l’ambiente costiero e tutelare gli operatori che, autorizzati, esercitano lecitamente e nel pieno rispetto delle risorse la pesca del riccio di mare.