Sequestrati in porto 116mila gadget turistici

CIVITAVECCHIA – Nell’ambito dell’attività di monitoraggio e controllo delle merci in ingresso in Italia, svolta anche a tutela dei consumatori, i funzionari del Servizio Antifrode dell’Agenzia Dogane e Monopoli di Civitavecchia hanno sequestrato 116.496 articoli, destinati ai turisti in visita a Roma, per fallace indicazione di origine e mendace etichettatura sulla composizione dei prodotti, come previsto dalla normativa dell’Unione Europea.

In dettaglio, parte della merce era priva dell’indicazione di origine ed era costituita da: 2.880 specchietti tascabili con la dicitura “ROMA” stilizzata; 17.280 magneti, 9.600 confezioni da 12 matite colorate, 838 borse e 2.993 custodie per occhiali che riportavano la dicitura “ROMA” e la raffigurazione di alcuni luoghi simbolo della Capitale come la “Fontana di Trevi”, “Piazza di Spagna”, la “Basilica di San Pietro” e il “Colosseo”; 50.400 penne con la dicitura “ITALIA” e la rappresentazione di monumenti di alcune città italiane (Duomo di Firenze, Colosseo, Torre di Pisa, Basilica di San Pietro, Ponte di Rialto a Venezia).

Il resto della merce, e precisamente 378 borse, 22.606 borsellini, 3.136 borsellini portapenne, 2.165 borsette porta-cosmetici e 4.220 portafogli, contrassegnata da etichette con l’indicazione della composizione “Cotone 50% e Poliester 50%”, a seguito di accertamenti tecnici dei laboratori dell’Agenzia, è risultata essere composta da materiale plastico e fibra di poliestere.

Gli articoli si trovavano in un container proveniente dalla Cina ed erano destinati ad una società del settore con sede a Roma. Il legale rappresentante della società importatrice è stato denunciato alla competente autorità giudiziaria per violazione dell’art. 517 del Codice Penale (Vendita di prodotti industriali con segni mendaci).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.