Servizio Cup, Fratelli d’Italia sfiducia Zingaretti

VITERBO – Grazie ai propri consiglieri regionali, Fratelli d’Italia ha chiesto trasparenza alla giunta Zingaretti sulla questione del nuovo appalto del servizio Cup del Lazio, che mortifica i dipendenti, riducendone orari e stipendi e tagliando posti di lavoro, oltre a peggiorare la qualità di importanti servizi all’utenza.

Fratelli d’Italia è arrivata a presentare un esposto all’Anac, l’Autorità Nazionale Anticorruzione, affinché prenda in esame la documentazione della procedura d’assegnazione, dalla quale emergono diverse criticità, tali da indurre a dubitare della legittimità dell’affidamento, formalmente qualificato come appalto, ma in realtà dissimulante una somministrazione di personale.

Di fatto i nuovi operatori economici ai quali è stata aggiudicata la gara hanno ignorato la Clausola Sociale prevista per questa tipologia di contratti, prospettando un inquadramento nel settore Multiservizi invece di quello del comparto del Terziario, applicato a chi svolge funzioni amministrative, disattendendo gli accordi sindacali ed ignorando la legge regionale 18/9/2007 n. 16 che sancisce l’obbligo di salvaguardia dei livelli occupazionali e salariali.
La situazione investe appieno anche i lavoratori del CUP dell’ospedale di Belcolle, per i quali ci spenderemo per la salvaguardia dei loro diritti.

Ci sembra, invece, pretestuoso e paradossale che politici viterbesi, candidatisi in regione con Zingaretti, si scandalizzino ora di tutta questa situazione, arrivando, addirittura, a proporre una risoluzione in Consiglio comunale.

Certo viene da chiedersi che fine ha fatto nel PD la tanto sbandierata tutela ai diritti dei lavoratori, il rispetto della persona, il concretizzarsi di tante promesse (basta pensare ai lavori per il completamento dell’ospedale) che la giunta Zingaretti ha fatto e mai mantenuto. Che ora poi i lavoratori diventino mezzo per rivendicazioni interne tra spaccature di partito ci sembra ancora più assurdo ed irrispettoso.

Proprio per queste ragioni FDI, insieme a tutto il centrodestra, questa mattina ha chiesto la sfiducia del presidente della Regione Lazio, ormai sempre più preso dalla corsa alla guida del suo partito che dal risolvere i tanti problemi che affliggono la regione.

Fratelli d’Italia – Viterbo