1.3 C
Viterbo
martedì 30 Novembre 2021

Spezzatino di cinghiale alla buttera

Cinghiale alla butteraOggi prepareremo un piatto di facile esecuzione ma di una prelibatezza unica per chi piace la carne cotta in modo semplice come si faceva in Maremma, quando i Butteri stavano lontano dalle proprie case per lunghi periodi. Per quattro persone serviranno cinquecento grammi di carne (taglio coscio), gli aromi mediterranei: la salvia, del rosmarino, qualche cipolla, dell’alloro, sale, pepe, delle bacche di ginepro, del vino rosso (un litro può bastare) e dell’olio d’oliva.

Per rendere la carne morbida, la lasceremo per sei ore in una marinata che prepareremo con metà vino rosso e tutti gli odori che abbiamo a disposizione, e ne lasceremo a sufficienza per poi fare lo spezzatino. Passate le sei ore per la marinata scoleremo la carne, metteremo in un tegame l’olio e prepareremo il soffritto con gli odori che ci sono rimasti. A seguire, dopo aver riscaldato bene l’olio, aggiungeremo la carne rosolandola per bene e la insaporiremo con sale e pepe lasciandola cuocere. Se assaggiandola vi risulterà dura, potrete aggiungere dell’acqua calda continuando con la cottura. Ricordiamoci però che è carne di selvaggina, perciò rimarrà sempre un po’ duretta. Buon appetito.

Francesco Rizzuti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altre notizie